Massa forza 5, battuto in amichevole il Real Vico Equense

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

vico massa

Il 2016 si prepara ad essere l’anno della svolta per il Massa Lubrense, chiamato ad una rincorsa importante per porre rimedio ad una classifica che vede i costieri distanti 12 punti dal San Tommaso, ultima compagine direttamente salva senza passare per la lotteria dei play-out. Il pari di Scafati ha fatto crescere l’autostima di un gruppo che sarà impegnato in un trio di partite fondamentali per stabilire quale potrà essere la reale dimensione della truppa di Giulio Russo. Se la difesa è ormai diventata un bunker quasi inespugnabile (4 clean sheets nelle ultime 5 gare), si sono momentaneamente bloccate le bocche di fuoco nerazzurre, con 1 solo gol realizzato dopo il roboante 0-4 sul campo del Sorrento Calcio.
È cosa risaputa che nel calcio basta però poco per sbloccarsi, e la scintilla giusta sembra essersi accesa nel pomeriggio, quando il Massa Lubrense ha affrontato in amichevole il Real Vico Equense. Il test ha permesso al mister nerazzurro di provare uomini e schemi in vista del match di sabato contro il Valdiano, e gli attaccanti non hanno deluso le aspettative. Dopo i 5 gol rifilati al Gragnano, il Massa non fa sconti e riserva lo stesso trattamento anche al Vico, in un match già ampiamente in tasca dopo i primi 45 minuti di gioco. Passano solo 15 minuti ed il Massa è già in vantaggio. Vitiello ruba un pallone a centrocampo, e serve in verticale Maggino che s’invola verso l’area vicana. Al momento della battuta a rete l’ex attaccante del San Tommaso viene fermato irregolarmente da un difensore. L’arbitro non ha esitazioni e decreta il calcio di rigore con lo stesso Maggino che trasforma con un tocco morbido che si insacca alla sinistra del portiere. I costieri si divertono e con pochi tocchi arrivano facilmente alla conclusione a rete. Ci prova ancora Maggino da fuori, quindi combinazione Vitiello-Marino-Altieri con la conclusione di quest’ultimo contrata in corner. Ambrosio va vicino al raddoppio con un tiro a giro respinto dal portiere, mentre al 32’ Altieri serve Ambrosio, che premia l’inserimento di Marino la cui battuta si stampa in pieno sulla traversa. Il raddoppio è nell’aria e si concretizza dopo pochi istanti. Breglia riceve palla e fa partita un tracciante dai 30 metri che si insacca nell’angolino basso alla sinistra del portiere del Vico. Partecipa alla festa anche Marino. Capitan Vinaccia serve Vitiello per la conclusione a rete, corta respinta dell’estremo difensore e tap-in vincente dell’esterno classe 1998. Allo scadere della prima frazione di gioco Maggino cala il poker, con un’inzuccata imperiosa su cross dalla sinistra di Breglia. Girandola di cambi nella ripresa e Lino Fiorentino mette il punto esclamativo sul match scattando in velocità e fulminando il portiere con un preciso diagonale sul secondo palo.
La linea offensiva non sembra più avere le polveri bagnate ed il prossimo banco di prova sarà il Valdiano, dove non esiste alternativa alla vittoria.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!