Scafatese 1922 – Massa Lubrense 0-0 | L’analisi della gara

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

sca massa_
Il 2016 inizia in maniera positiva per il Massa Lubrense di Giulio Russo, che conquista un punto prezioso sul campo della Scafatese 1922, portandosi a quota 7 in classifica e allungando a 5 i punti di vantaggio sul Sorrento Calcio, che dopo la sconfitta interna per 1-2 contro il Montersarchio resta ultimo in graduatoria con soli 2 punti raccolti. Pareggiano anche Castel San Giorgio e S.Antonio Abate (2-2) in uno scontro diretto che mantiene i primi a due punti di distanza dagli abatesi, mentre esce sconfitto (come da pronostico) il Valdiano nella sfida interna contro il Fc Sorrento, con la compagine rossonera che passa agevolmente grazie alle reti di Vitale e Arpino. Sabato prossimo al “Cerulli” andrà in scena proprio il match tra Massa Lubrense e Valdiano, gara di fondamentale importanza per risalire la china e scalare posizioni in chiave play-out. Out lo squalificato Vitiello, Giulio Russo fa qualche piccolo cambio rispetto all’undici sceso in campo ad Avellino prima di Natale. Confermatissimo a difesa dei pali Alessandro Stinga, alla 5° gara consecutiva da titolare. Difesa confermata per 3/4 con Buonomo, Esposito, Di Donna e Siniscalchi che si riprende il posto perso temporaneamente dopo il successo per 0-4 sul campo del Sorrento Calcio. La zona nevralgica del campo è occupata da Vinaccia e Altieri con Marino e Breglia sulle corsie esterne. In attacco c’è l’esordio da titolare del ’97 Cannavale che agisce al fianco di Maggino.
Per rendersi conto di quanto complicato sia il compito del Massa, basta dare un’occhiata ai numeri che vedono la Scafatese 1922 di Citarelli sconfitta tra le mura amiche soltanto da Città di Nocera, Faiano e Fc Sorrento. I costieri partano subito forte, incarnando lo spirito battagliero del proprio mister, consapevoli che la vittoria sia l’unico risultato che conta. Esposito conquista un pallone importante sugli sviluppi di un calcio piazzato, ma la sua conclusione è facile preda di Testa. Un’insidiosa punizione di Breglia viene respinta da Martone in ripiegamento difensivo, mentre Maggino prova a trovare il jolly con una gran conclusione dai 30 metri che si perde alta sopra la traversa. I padroni di casa provano a reagire con l’esterno Formisano, che calcia però altissimo dalla lunga distanza. Verso la mezz’ora ci prova Altieri con una conclusione da fuori area che termina larga, ed ancora Breglia da calcio piazzato, ma Testa evita il peggio respingendo di pugno. Stinga si oppone ad una conclusione di Sorrentino, mentre il finale di prima frazione di gioco è ancora di marca nerazzurra. L’estremo difensore canarino è costretto ad una sortita fuori dalla propria area per anticipare Cannavale ben imbeccato in verticale da Marino e lo stesso Testa anticipa di un soffio Esposito, che ormai pregustava l’inzuccata vincente su calcio piazzato di Altieri. Il primo tempo scivola via così, senza alcun minuto di recupero, e con tanti rimpianti di ciò che poteva essere e poi non è stato. Tanti i cross provenienti dalle corsie, soprattutto quella sinistra con un Breglia in grande spolvero, sui quali è mancato quel pizzico di cattiveria nell’attaccare l’area piccola per la deviazione vincente. Marino, sulla corsia opposta, prova spesso a puntare l’uomo e premiare gli inserimenti senza palla di Cannavale. Tanto lavoro sporco invece per Maggino, che arretra spesso la propria posizione per ricevere palla spalle alla porta e cercare l’imbucata vincente per i compagni. Vinaccia e Altieri garantiscono quantità e qualità in mediana, mentre in difesa Esposito e Di Donna non sbagliano nulla, Siniscalchi contiene senza particolari problemi le folate di De Simone e Buonomo è perfetto in alcune provvidenziali diagonali. Nella ripresa la squadra paga le tante energie spese nei primi 45 minuti e Giulio Russo ricorre ai cambi di Ambrosio, Volpe e De Maio per Marino, Breglia e Vinaccia in modo da offrire maggiore vivacità e freschezza alla manovra costiera. Dopo un nuovo tentativo di Esposito su azione d’angolo, la Scafatese prende in mano il pallino del gioco, creando alcune occasioni importanti con Martone e Guidelli sugli sviluppi di corner calciati dal sempreverde Teta. Nel miglior momento dei canarini, il Massa ha il match-point con Maggino che potrebbe approfittare di un gravissimo errore di Testa in uscita per mettere a segno il più classico dei gol dell’ex, ma Chiariello interviene in maniera determinante a deviare la conclusione a botta sicura dell’attaccante in maglia numero 9. L’ultima chance è di marca gialloblù con G. Esposito che, subentrato a Formisano, fa partire un gran tiro dalla distanza che si stampa sulla traversa.
Al triplice fischio finale è quindi un pareggio a reti bianche (il terzo nelle ultime 5 gare) che dà fiducia alla compagine costiera, ma soprattutto consapevolezza che, attraverso maggiore cattiveria sotto porta, i prossimi 3 scontri diretti potranno essere il crocevia della seconda parte di stagione della truppa di Giulio Russo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!