FC Sorrento, la famiglia rossonera a cena per festeggiare il Natale e suggellare l’obiettivo D

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Foto Luigi Penna

Foto Luigi Penna

Gioia, serenità ed una indescrivibile voglia di festeggiare meritatamente il titolo di campioni d’inverno hanno accompagnato, nella serata di ieri, la classica cena di Natale in casa Football Club Sorrento. Oltre duecento tra calciatori e staff tecnico, molti dei quali accompagnati dalle rispettive famiglie, dirigenti, tifosi ed addetti ai lavori, si sono ritrovati al Gran Hotel “La Pace” per scambiarsi gli auguri per le ormai imminenti festività natalizie.

Nella sala “Crystal” della struttura a cinque stelle di proprietà della famiglia Giglio, il Natale della numerosissima famiglia rossonera è stato quindi celebrato in un ambiente allegro e felice, in cui palpabile è  risultata la comunione d’intenti tra squadra, dirigenza e tifoseria. Obiettivo comune sottolineato soprattutto dal vice-presidente Paolo Durante che, al termine di una lunga missiva letta a tutti i presenti, ha sottolineato “l’obbligo di centrare il salto di categoria”. Toccanti e cariche di significato emotivo anche le parole degli altri vice-presidenti, l’amministratore delegato di MSC, Franco Ronzi, e l’armatore di AliLauro Gruson, Salvatore Di Leva, cui hanno fatto seguito quelle del presidente Alberto Negri, dell’allenatore Giovanni Ferraro e del capitano rossonero Francesco Scarpa. A chiudere il breve momento degli auspici e dei proclami il coordinatore del progetto rossonero, Franco Giglio, che dopo aver nuovamente ringraziato i dirigenti prima menzionati per averlo assecondato nel suo programma di rilancio del movimento calcistico in penisola sorrentina, ha concluso ribadendo un concetto preciso: “Il nuovo Sorrento riparte da qui”.

A concludere la serata, in cui non è mancato lo show del capitano Scarpa, improvvisatosi giornalista per intervistare mister Ferraro, la classica foto di gruppo dell’intera squadra che, dopo aver ricevuto un omaggio dalla dirigenza, ha posato, in compagnia di Franco Giglio e del dirigente Giuseppe Cappiello, nella hall dell’albergo per consentire ai fotografi di immortalare il momento.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!