Verso Scafatese 1922 – Fc Sorrento, Scarpa: “Gara dura, ma il nostro unico obiettivo è vincere questo campionato”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Francesco Scarpa (foto Luigi Penna)

Francesco Scarpa (foto Luigi Penna)

Dopo un periodo leggermente opaco, in cui sembrava aver cominciato ad accusare le fatiche di un inizio di stagione a mille all’ora, nella sfida interna di domenica scorsa contro il San Tommaso ha ricominciato a viaggiare sui suoi consueti ritmi, inarrivabili per tutti gli avversari. Due gol, un assist al bacio per la testa di Maury ed una traversa colta da calcio piazzato hanno riconsegnato al pubblico sorrentino un Ciccio Scarpa tirato a lucido e capace, nonostante la carta d’identità dica già trentasei, di trovare la forza di partire dal limite della propria area di rigore e, tutto d’un fiato e con il solo tocco di Gargiulo a lanciarlo nello sprint degli ultimi trenta metri, presentarsi davanti al portiere avversario e trafiggerlo con una scaltrezza ed una lucidità disarmanti: “Quando ti alleni realmente bene durante la settimana giocate del genere ti riescono con più facilità – confessa il capitano rossonero. – Ed io ho capito che solo perseguendo la strada del lavoro quotidiano e sempre ai massimi livelli posso continuare a mantenere questi standard qualitativi così elevati anche con l’avanzare dell’età”.

Lo Scarpa 2.0 ha la voglia di spaccare il mondo come un ragazzino, ma conserva ancora la vena saggia da calciatore esperto che gli permette di analizzare in modo trasparente quello che è stato il recente passato del Football Club Sorrento. Tra la trasferta di Brusciano contro la Mariglianese e la vittoria interna contro il San Tommaso, i rossoneri hanno palesato improvvisi quanto preoccupanti cali di concentrazione che hanno permesso agli uomini di Aldo Papa di raggiungere un pareggio per lunghi tratti insperato ed ai salernitani allenati da Silvestro di battere per ben due volte Santaniello nelle battute conclusive del match: “Episodi del genere sono fisiologici a tutte le squadre. Capitano indistintamente e nei momenti meno aspettati ma per una squadra come la nostra sono un lusso che non possiamo assolutamente permetterci. Il nostro unico obiettivo è quello di vincere questo campionato, piccoli incidenti di percorso come quelli che ci sono capitati ultimamente fanno sì parte del gioco, ma vanno assolutamente limitati”.

Nuove piccole defaillance restano quindi vietate, anche se la fase offensiva continua ad essere letale. Il FC Sorrento, infatti, vanta il secondo miglior attacco d’Italia dalla serie A all’Eccellenza, il tutto senza ancora l’ingresso in pianta stabile nella prima linea di un calciatore del calibro di Del Sorbo, a segno all’esordio contro la Mariglianese ma squalificato nel match contro il San Tommaso: “Antonio è un giocatore che non ha nulla a che vedere con questa categoria – commenta Scarpa. – Ho avuto il piacere di giocare con lui a Torre Annunziata e gli ho visto fare numeri da grande attaccante. Il suo acquisto ci farà fare un ulteriore salto di qualità che ci permetterà di affrontare il girone di ritorno con ancora meno problemi di quelli incontrati sinora”.

Prima di pensare alla seconda parte di campionato, c’è però da superare, al giro di boa, la Scafatese 1922, reduce dal pari ad occhiali in coppa Campania di mercoledì in casa del Città di Nocera. Pur privi di due pedine fondamentali quali Salvatore Gallo, passato proprio ai molossi nell’ultimo giorno di mercato, e soprattutto il capitano Angelo Teta, i canarini allenati da Citarelli rappresentano comunque un osso duro da affrontare: “Sarà una gara dura, come d’altronde tutte quelle che abbiamo disputato sinora. Chiunque gioca contro di noi, infatti, raddoppia le proprie forze nella speranza di vivere un giorno di gloria fermando la capolista. Prevedo una partita in cui loro saranno molto accorti, ma noi dovremo essere altrettanto bravi a muovere la palla rapidamente e far valere il nostro maggior tasso tecnico”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!