San Tommaso – Massa Lubrense 2-1 | Giulio Russo: “Perdere una partita così brucia”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

12227637_1091443397544731_364541086607609587_n

Al termine della gara tra San Tommaso e Massa Lubrense, vinta dagli irpini per 2-1, il mister costiero Giulio Russo mastica amaro per una sconfitta giunta al termine di una gara in cui i nerazzurri hanno fatto la gara per larghissimi tratti senza però riuscire a concretizzare le tante occasioni da gol create. Una sconfitta che brucia, anche perchè giunta contro un San Tommaso in inferiorità numerica fin dai primi minuti della ripresa per l’espulsione del difensore centrale Tornatore.

Sembra di rivedere ancora una volta lo stesso copione. Un San Tommaso vivo soltanto per i primi 10 minuti del match, è riuscito a vincere la partita con appena 3 tiri in porta.

“Purtroppo stiamo a ripetere ancora una volta le stesse cose. Abbiamo conquistato tantissimi calci d’angolo, dominato la gara in lungo e in largo e siamo qui a dover commentare una sconfitta. Nel primo tempo i miei ragazzi erano troppo contratti, pensavano solo a buttar la palla avanti piuttosto che tentare il fraseggio e costruire azioni pericolose attraverso il gioco. Abbiamo subito gol su palla inattiva, mancando di attenzione su un tipo di schema che il San Tommaso era solito realizzare e che avevamo già analizzato nel corso della settimana. Negli spogliatoi mi sono fatto sentire e la squadra ha reagito bene. Peccato perché tutto sembrava andare nel verso giusto quest’oggi, con il pareggio trovato da Vitiello e l’espulsione di Tornatore che ha lasciato i nostri avversari in 10 uomini. Siamo riusciti a creare almeno 6/7 limpide occasioni da gol mentre il San Tommaso non ha più giocato. Sul più bello, ed in maniera inspiegabile, i miei ragazzi han ripreso a giocare palla lunga facilitando gli irpini che hanno poi trovato il 2-1″.

Dopo il gol del pari, il Massa ha creato tantissime occasioni con Vitiello, Maggino, Breglia e Marino, la cui conclusione è stata addirittura allontanata a ridosso della linea di porta. Ancora una volta, però, la squadra paga dazio all’unica disattenzione della gara.

“La nostra è una squadra giovane, per cui ritengo che l’errore ci possa stare. Tutto il reparto è stato disattento in occasione del 2-1. Con un po’ di concentrazione di più potevamo portare a casa almeno 1 punto, che ci sarebbe stato comunque stretto per aver giocato quasi esclusivamente nella metà campo del San Tommaso. Perdere una partita così brucia”.

Ad ulteriore dimostrazione che oggi tutto è sembrato girar storto, il colpo di testa di Cannavale all’ultimo secondo uscito di un soffio.

“È andata così. L’ultima palla è capitata sulla testa dell’ultimo arrivato, Cannavale, un classe ‘97 che è entrato bene, facendosi trovare pronto. Ora bisogna mettere una pietra sopra questa partita, cercando di mettere benzina nelle gambe in vista del girone di ritorno e dopo Natale sarà già tempo di pensare al prossimo impegno contro la Scafatese 1922″.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!