Massa Lubrense – Mariglianese 0-0 | L’analisi della gara

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

massa mariglianese

Cresce il Massa Lubrense di Giulio Russo che, con il pareggio a reti bianche conquistato tra le mura amiche contro la Mariglianese, guadagna un punto sul Sorrento Calcio, sempre più ultimo dopo la sconfitta per 3-0 sul campo dell’Ebolitana. In zona play-out si muove la classifica, con il Castel San Giorgio che torna alla vittoria dopo 3 turni battendo in rimonta in un fondamentale scontro diretto il Valdiano, così come il S. Antonio Abate che con un gol in pieno recupero di Cibele batte la Scafatese 1922 per 3-2. Se il campionato finisse oggi, il Massa Lubrense disputerebbe il play-out contro la compagine abatese guidata da Criscuolo, distante 7 punti in classifica. Tuttavia, dando uno sguardo ad obiettivi più ambiziosi, la prima squadra salva direttamente senza passare per la lotteria dei play-out è il San Tommaso. Il club irpino, come da pronostico, è stato sconfitto per 4-2 sul campo della capolista Fc Sorrento ed occupa l’11° posto a quota 16 punti, 10 in più della compagine costiera, a poco meno di una settimana dallo scontro diretto che si terrà sabato allo stadio “A. Roca” di Avellino. Sarà soltanto l’ultima giornata del girone di andata, ma un blitz dei nerazzurri in terra irpina darebbe un segnale forte in vista del prosieguo della stagione.
Rispetto al match vinto in maniera larga e convincente contro il Sorrento, Giulio Russo decide di cambiare modulo passando dal 4-1-4-1 al 4-4-2 con un solo cambio negli interpreti della linea difensiva. Davanti al confermato Alessandro Stinga, si rivedono Buonomo, Esposito e Di Donna, mentre Breglia al rientro della squalifica va a prendere posto sulla corsia sinistra relegando Siniscalchi in panchina. La zona nevralgica del campo è occupata da Vinaccia e Altieri con Ambrosio e Vitiello sulle corsie esterne, mentre in attacco Marino gioca in supporto a Maggino.
La Mariglianese di Aldo Papa si fa subito viva con una conclusione larga di Falco. I costieri non stanno a guardare e nello spazio di pochi minuti sfiorano il vantaggio prima con un tiro a giro di Marino, poi con una conclusione di Maggino deviata da un difensore biancazzurro in corner. Dopo una nuova conclusione di Falco, il finale di primo tempo è tutto di marca costiera. Ci prova Marino, con una bella girata dall’interno dell’area di rigore ma la sfera finisce alta. Ambrosio fa poi letteralmente ammattire il suo dirimpettaio, lo aggira con un finta e fa partire un gran tiro a giro sul quale si oppone Varone come può. Infine va alla conclusione Buonomo, ma la mira è imprecisa. Nella ripresa gli ospiti badano principalmente a difendere, lasciando il pallino del gioco alla squadra di Giulio Russo, che prova a portare a casa l’intera posta in palio. Marino, ben imbeccato da Maggino, conclude alto da distanza favorevole, mentre Ambrosio non riesce a deviare in rete da distanza ravvicinata un cross dalla sinistra di Vitiello al termina di una grande azione personale. Giulio Russo cambia Altieri e Ambrosio con De Stefano e De Simone, provando poi a dar maggior peso all’attacco inserendo Arcobelli per Vitiello. Permane il 4-4-2 di partenza con De Simone e Marino esterni alti e Maggino che va a gravitare intorno ad Arcobelli che agisce da punta centrale. L’ultima occasione del match capita proprio sulla testa dell’attaccante torrese, che gira un’invitante punizione dalla sinistra di Breglia leggermente sopra la traversa.
Finisce così con un pari a reti bianche, contro una Mariglianese che arrivava alla sfida in grande condizione, forte di 4 risultati utili consecutivi, frutto di 3 vittorie ed 1 pari. Il Massa Lubrense aggiunge un altro tassello importante raggiungendo la miglior serie positiva dall’inizio del campionato, con 5 punti raccolti nelle ultime 3 gare. Record che passa anche per una solidità difensiva che si sta rivelando l’arma in più della compagine costiera in questa fase del campionato. Il Massa Lubrense, infatti, non incassa gol dal 66’ della gara del “San Francesco” contro il Città di Nocera, quando Scibilia riuscì a superare Iaccarino per il gol del definitivo 2-0. Da allora, 3 gare consecutive senza subire gol (Palmese, Sorrento Calcio, Mariglianese) per un totale di 310 minuti di imbattibilità suddivisi tra Iaccarino (28’) e Stinga (282’).
Numeri importanti, che aiuteranno ad affrontare al meglio l’ostica trasferta contro il San Tommaso, che fa del proprio stadio un fortino quasi inespugnabile. Al “Roca” non perde infatti dal 3 ottobre, quando il Positano riuscì ad imporsi per 2-1 grazie alle reti di Porzio e Vallefuoco, mentre nelle successive 5 gare interne la squadra irpina ha conquistato ben 4 vittorie ed 1 pari. Ma i grandi numeri sono fatti per essere smentiti, ed è per questo che la compagine costiera lavorerà duramente per regalarsi un Natale ricco di soddisfazioni.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!