Positano – Faiano 1-0, top & flop

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Simone D'Alesio (foto Alessia Castellano)

Simone D’Alesio (foto Alessia Castellano)

TOP

CIRO PORZIO

Aveva da farsi perdonare l’ingenuità commessa la scorsa giornata, quando un suo eccesso di foga spalancò un’autostrada davanti a Befi per il gol del 2-1. Lo fa, con gli interessi, giocando, fascia da capitano al braccio, una gara su livelli altissimi, impreziosita dall’ennesima gemma da calcio piazzato che manda in visibilio il pubblico del “Vittorio De Sica” e permette al Positano di approcciare nel migliore dei modi alla supersfida di domenica prossima al “San Francesco” di Nocera Inferiore.

DAVIDE VALLEFUOCO

Vince per distacco il duello con Di Giacomo, concedendogli solamente qualche briciola sul finire della prima frazione di gioco. Padrone incontrastato dello spazio aereo, fa ritrovare sicurezza e solidità ad una linea difensiva scottata dai tre gol subiti una settimana fa dal Montesarchio.

SIMONE D’ALESIO

Pronti – via e con un colpo da mezzo contorsionista sul primo palo quasi rischia di metterla dentro. Passano i minuti, il ritmo della gara rimane blando ma il suo va in crescendo: morde, infatti, le caviglie a qualunque avversario gli si pari davanti, mantenendo lucidità e senso della posizione dal primo all’ultimo minuto di gioco.

FLOP

NESSUNO

Dopo gli scricchioli della sfida al Montesarchio, la macchina del Positano torna a viaggiare ai soliti ritmi. Ordinato tatticamente e consapevole sempre della giocata da effettuare, l’undici di Antonio Guarracino non è sicuramente bello da vedere, ma allo stesso tempo tremendamente pratico ed incisivo. Ne consegue che, al netto di rari ed impronosticabili cali di tensione, di pedine fuori posto nello scacchiere giallorosso non se ne trovano.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!