FC Sorrento – San Tommaso 4-2, top & flop

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Francesco Scarpa (foto Luigi Penna)

Francesco Scarpa (foto Luigi Penna)

TOP

FRANCESCO SCARPA

Due gol, un assist ed una traversa che gli nega hat-trick. Il capitano rossonero scoppia di salute e lo si nota dai frequenti strappi con cui spacca in due la retroguardia del San Tommaso. In uno dei suoi tanti allunghi, parte indisturbato addirittura dal limite della propria area di rigore, si fa ottanta metri tutti d’un fiato ed ha ancora la lucidità per spiazzare Formisano e mettergli alle spalle il pallone del momentaneo 2-0.

VINCENZO MAISTO

Pronti – via e si guadagna, con astuzia e mestiere, il rigore, poi trasformato da Scarpa, che spiana la strada verso la settima vittoria casalinga in campionato su altrettante partite disputate. Il resto, è un’ora abbondante di attenta regia prevalentemente in verticale, con un’importante dose di palloni recuperati. Segnale che, se la condizione fisica glielo consente, può finalmente esprimersi su standard, finora, per alterno motivi mai raggiunti, a lui più congeniali.

FLOP

I CINQUE MINUTI

A Brusciano sono stati fatali, con il San Tommaso solo il corposo gap scavato in precedenza non ha fatto rialesare fantasmi che, seppur per un attimo, sono aleggiati sullo stadio “Italia” e sembravano potessero permettere agli uomini di mister Silvestro di trovare addirittura il pareggio. Fisiologico o meno quando si è in vantaggio di quattro reti, un così drastico calo di concentrazione, peraltro recidivo, deve forzatamente far suonare un campanello d’allarme: non sempre, infatti, quanto costruito precedentemente basta a rendere innocui i cinque minuti di follia.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!