Verso Massa Lubrense – Mariglianese | Giulio Russo: “Dovremo essere arrabbiati e determinati. Contro la Mariglianese è una partita da dentro o fuori”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

12227637_1091443397544731_364541086607609587_n

Sabato è già tempo di fare sul serio. Archiviato il successo per 4-0 sul campo del Sorrento, il Massa Lubrense ha la possibilità di dare continuità al proprio momento positivo ospitando la Mariglianese. La squadra costiera arriva a questo impegno forte di alcuni numeri che certificano uno stato di forma che lascia ben sperare in vista del giro di boa della stagione. 2 risultati utili consecutivi (0-0 contro la Palmese e 4-0 contro il Sorrento) che vedono la porta difesa da Alessandro Stinga inviolata da ben 214 minuti, ovvero da quando Scibilia realizzò, su azione da calcio d’angolo, il gol del definitivo 2-0 in favore del Città di Nocera. Il mister Giulio Russo, però, mette in guardia da facili entusiasmi, invitando a non perdere mai grinta e ferocia agonistica che devono sempre contraddistinguere le squadre in lotta per la salvezza.

Si torna di nuovo in campo. Quant’è stato importante affrontare questa settimana di lavoro, forti di una vittoria fondamentale conquistata sul campo del Sorrento?

“Paradossalmente questa è stata forse la settimana più difficile perché c’era molta euforia. Ho dovuto calmare un po’ gli animi, ricordando che non abbiamo fatto ancora nulla. Dobbiamo restare tranquilli, abbiamo ottenuto un successo che ci ha permesso di fare un piccolissimo passo in avanti, e sarà fondamentale continuare su questa scia perché di passi bisogna farne tanti altri per conquistare l’obiettivo che ci siamo prefissati”.

Qual è stato il più grosso cambio? Aver convinto il gruppo delle proprie qualità e potenzialità?

“Appena arrivato dissi subito ai ragazzi che era assurdo vedere una squadra simile fanalino di cosa del girone. Il gruppo stava bene fisicamente, a dimostrazione dell’ottimo lavoro svolto dal mio predecessore e amico Federico Cuomo. Aveva invece mollato mentalmente, perché le tante sconfitte stavano segnando un gruppo giovane, nei cui piedi il pallone stava iniziando pericolosamente a scottare. Io ho provato soltanto a inculcare fiducia e cattiveria agonistica. I ragazzi  hanno sposato alla grande la mia filosofia, stanno facendo bene e speriamo di continuare così”.

Una squadra giovane, che forse inizialmente ha pagato la poca malizia e la cattiva gestione dei momenti della partita sotto il profilo nervoso

“Probabilmente sì. Io da calciatore sono sempre stato un guerriero, e mi hanno insegnato che in questo sport dall’altra parte ci sono unicamente nemici. La mentalità dev’essere questa per tutti i 90 minuti, soprattutto in squadre che lottano per la salvezza”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

In questo Massa esistono forse pochi titolarissimi. Tutti stanno trovando il proprio spazio, a dimostrazione che chi lavora bene in settimana ha la possibilità di essere premiato scendendo in campo nel week-end.

“Non ho nomi altisonanti, ma soltanto alcuni calciatori con qualche anno di esperienza in più. Con me nessuno ha il posto assicurato. I ragazzi vanno premiati, e se durante la settimana mi dimostrano di essere sul pezzo, grintosi e al top fisicamente scendono sicuramente in campo indipendentemente dalla carta d’identità”.

4 punti nelle ultime 2 gare. Solo un caso che questa serie positiva è iniziata appena il Massa è riuscito a mantenere per entrambe le volte la porta inviolata?

“Io penso che qualsiasi tipo di obiettivo, che sia la vittoria del campionato o il conseguimento della salvezza, passa per subire il minor numero possibile di reti. Domenica abbiamo fatto 4 gol, è andata bene, ma non dobbiamo assolutamente montarci la testa. La Mariglianese è una squadra forte, di categoria, per cui bisognerà tenere sempre gli occhi aperti ed essere pronti a battagliare dal primo all’ultimo minuto. Li conosco bene avendoli affrontati da calciatore nella scorsa stagione e, pur essendo il mio S. Agnello più forte, siamo stati fermati sull’1-1 sul loro campo, mentre in casa nostra riuscimmo ad avere la meglio soltanto grazie ad una rete di Sibilli in pieno recupero. Sarà una partita tosta, da dentro o fuori visto che un passo falso pregiudicherebbe quanto di buono fatto vedere contro il Sorrento”.

Sabato è facile prevedere un’altra battaglia contro una Mariglianese che in trasferta è molto cinica. Un pari a reti bianche (San Tommaso) e due vittorie con il minimo scarto (Valdiano e S. Antonio Abate) han permesso loro di conquistare 7 punti su 9. 

“La Mariglianese è infatti una squadra esperta, che incassa pochi gol, e formata da calciatori importanti e di categoria come il neo-acquisto Romano, Loreto, Mollo, Biancardi, De Biase, Andres, Volpe e Falco. L’unico, piccolo, vantaggio è che hanno una classifica più tranquilla, per cui dovremo essere più arrabbiati e determinati di loro”.

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!