Basket, Fortitudo Basket Sorrento (U18): Vittoria sofferta contro la Join Venture

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Fino ad ora di vittorie semplici per la Fortitudo Basket Sorrento U18 non ce ne sono state, ed anche questa volta in casa contro la Join Venture Basket il copione non è cambiato. Il +9 finale che attribuisce i due punti in classifica alla squadra costiera, è solo un’indicazione di quanto la partita sia stata tirata e per nulla scontata. La tensione si è vista fin dalla palla a due con gli arbitri che, nonostante tutto, sono stati bravi a mantenere il controllo su una gara iniziata a ritmi lenti, dall’inizio alla fine piena di falli e spezzettata dai numerosi fischi dei due direttori di gara, con entrambe le squadre che si sono studiate per lunghi tratti del primo quarto. Gli errori sono molti e fra  le fila della Fortitudo regna un po di confusione ed imprecisione nei meccanismi offensivi che non sembrano regolati come in altre occasioni, con gli ospiti che sfruttano la frenetica voglia di fare bene dei padroni di casa, per portare scompiglio nella zona due-tre dei ragazzi di coach Orazzo con un paio di triple andate a bersaglio. La partita si dimostra tirata, attacchi organizzati e portati avanti con freddezza, fanno trovare la via del canestro ai costieri che iniziano a riscaldarsi per ingranare la marcia giusta ed architettare un primo allungo che, però, la Join non permette con la sua difesa arcigna ed il nervosismo che a tratti contagia anche i padroni di casa. Il secondo quarto vede ritmi più rapidi e a sprazzi frenetici, con molti falli ed errori individuali. Solo un paio di time out riescono a rinfrescare le idee dei ragazzi in maglia Fortitudo che alzano la tensione e chiudono i primi venti minuti in vantaggio sul 35-33. Due soli punti di vantaggio che alla ripresa del match, dopo l’intervallo lungo, sembrano destinati ad aumentare dopo un paio di contropiedi ed una difesa più attenta che permettono ai giovani guidati da coach Orazzo di allungare, prima dell’ultimo quarto, sul 62-53. Gli ultimi dieci minuti sono di fuoco: un espulsione per doppio tecnico per gli ospiti, ripetuti falli, una rimonta che porta quasi fino alla parità la Join Venture mai doma, rendono la partita, nei suoi momenti finali, al cardiopalma dove gli ospiti, alla fine,   sono costretti a soccombere sotto i colpi di uno straripante Scopino(top scorer con 34 punti) e di una Fortitudo stoica e di cuore che con tutti i suoi effettivi è riuscita a portare a casa un risultato importante per ripartire verso le zone alte della classifica.

Fortitudo Basket Sorrento-Join Venture Basket 82-73

Parziali:(15/14; 20/19; 27/20; 20/20).

Fortitudo Basket Sorrento: De Siomne 4; Pioselli 6; Aversa 5; Scopino 34; Pollio 4; De Martino 4; Guida 6; Cinque 19.

F.v.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!