Verso San Vito – Montesarchio – Guarracino: “Per vincere ci vuole pazienza”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

guarra_maNessuno ad inizio campionato aveva inserito il San Vito Positano nella top three. Ad oggi i giallo rossi si trovano ad una sola lunghezza di distanza dal Città di Nocera e giungono ad una nuova sfida spartiacque con tanta voglia. Al De Sica arriva il Montesarchio che, per il tecnico Guarracino “E’ tutto fuorché una sorpresa”.
Un muro di gomma dalla costiera verso la Valle Caudina. “Il nostro avversario ha costruito una squadra con il chiaro intento di arrivare agli spareggi”, ammette, “Ci sono elementi del calibro di Liccardi, Agata e Befi che mettono a referto tantissimi campionati vinti. Noi possiamo contare sulle sole esperienze di Cifani e Munao in questo campo”.
Insomma, per Guarracino confrontarsi con una semi-corazzata sarà un nuovo banco di prova. “Certo. Perché noi siamo una novizia e dobbiamo mantenere la nostra identità. Non lasciamo nulla al caso, ma dobbiamo trovare qualche risorsa per rilanciarci”.
Un rilancio che non passa solo dal mercato, ma anche da chi ha birra nelle gambe e pochi minuti giocati.
Una birra che servirà per tentare il nuovo scacco matto contro chi ci metterà “grinta e attenzione”.
“Sono due componenti di questo gioco”, evidenzia il trainer costiero, “Noi? Useremo pazienza e ordine tattico, perché dovremo arginare il loro pacchetto offensivo”.
Giallorossi e bianco azzurri puntano tanto sulle palle inattive. Soluzioni dirette o schemi hanno portato in dote tanti punti.
“Il calcio è molto influenzato dalle palle inattive”, conclude Guarracino, “Siamo due allenatori che preparano con accortezza queste soluzioni. Sarà importante andare avanti e trovare il tempo giusto rischiando poco o nulla”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!