Basket, Polisportiva Vico Equense (UISP): Esordio amaro contro lo stabia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

vico immagineTermina con una sconfitta per 48 a 55 contro l’Amicizia e sport Stabia, l’esordio casalingo nel campionato UISP dei ragazzi della Polisportiva Vico Equense. Una partita davvero bella ed intensa quella andata in scena al palazzetto di Via Madonnelle, dove tutti i ragazzi in campo hanno veramente dato tutto. I vicani padroni di casa partono con poca concentrazione e lo stabia si porta subito in vantaggio. Già al termine del primo quarto il tabellone dice +10 per gli ospiti, un vantaggio consistente che resta tale quasi fino a metà del terzo quarto quando, dopo un time out, i ragazzi della polisportiva si convincono di poter rimontare e rientrare in partita provando il colpo di coda che possa ribaltare la gara. Con un Gargiulo in splendida forma (17 alla fine) ed un attacco alla difesa a zona dello stabia che si fa sempre più concreto, la partita si capovolge, con i vicani che prima rimontano e poi operano il sorpasso arrivando ad un massimo di +4. I minuti finali sono carichi di tensione dove la partita è tirata e si gioca sempre punto a punto. L’episodio clou che determina i destini della partita avviene a 30 secondi dalla sirena finale, con lo stabia che si trova sul +1: l’attacco decisivo è in mano ai padroni di casa che si affidano ad un Gargiulo che, dopo un terzo e quarto quarto quasi perfetti, si fa rubare palla e sul fallo commesso per fermare il contropiede avversario, gli arbitri decidono di fischiare un fallo antisportivo che consegna l’ultimissimo possesso agli ospiti e mette fine alle speranze di una vittoria al fotofinish per la polisortiva che sul campo aveva messo anche il cuore. Queste le parole di coach Vitale a fine partita che manifestano l’ottimismo e la determinazione per il futuro ma anche un pizzico di amarezza per una partita giocata al massimo:“ Un vero peccato perdere così, tutta la squadra è amareggiata per il risultato ma voglioso di dimostrare la propria forza pensando già al prossimo impegno. Mi aspettavo un divario superiore contro un avversario sicuramente tra i favoriti del campionato ma i miei ragazzi hanno dato tutto giocandosi la partita fino alla fine”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!