Verso Sant’Antonio – San Vito Positano, Guarracino: “Tanta attenzione, tanta predisposizione al sacrificio. Vi è molta voglia di raggiungere risultato, non volerlo e basta, ma costruire e lavorare per ottenerlo”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Antonio Guarracino (foto De Martino)

Antonio Guarracino (foto De Martino)

“17 punti archiviati, meritati, ora dobbiamo puntare a rinvigorire la classifica sempre positivamente, affrontando le difficoltà fisiologiche di un campionato duro, con qualche defezione che tutti hanno e le affrontiamo anche noi senza creare tanti problemi, con qualche cambio e qualche nuovo innesto mantenendo un profilo basso di chi ha sempre combattuto con il cuore, dal punto di vista della professionalità e lealtà a lavoro. Vi è tanta voglia di raggiungere risultato, non volerlo e basta, ma costruire e lavorare per fare quello”.

Così presenta l’ottava giornata, Antonio Guarracino, guardando il bicchiere mezzo pieno e con la consapevolezza di avere al suo seguito una squadra sulla quale contare, per potersi concedere il lusso delle giuste e meritate soddisfazioni.

“Solita settimana, fortunatamente, vissuta con un pizzico di allegria in più; quando vi è risultato pieno si lavora sulla scia dell’entusiasmo generale.

Prossimo avversario di turno per i giallo rossi, il Sant’Antonio Abate, che arriva tra le mura amiche del “Varone”, volenteroso di voler fare bottino pieno, dopo il k.o. esterno col Montesarchio.

“Del Sant’Antonio ho avuto una buona impressione, l’ho visto per la prima volta col Sorrento, poi in casa con la Scafatese, presenta comunque nella rosa elementi che hanno giocato in serie D e Lega Pro. Sono partiti aggressivi ma si sono ritrovati in classifica medio-basse, per forse vicissitudini che noi all’esterno non conosciamo nemmeno. Dobbiamo prendere atto, degli elementi in rosa e degli 11 che vanno in campo. E’ una trasferta difficile, su un campo che quest’anno non è ancora stato violato e che da sempre ha costituito il loro forzino per raggiungere i risultati che nel corso degli anni hanno conseguito”.

“Tanta attenzione, tanta predisposizione al sacrificio, voglia di combattere per far invertire la rotta ad una squadra che spero lo faccia la settimana prossima, per noi logicamente”- conclude il tecnico costiero, che si affida alle ottime potenzialità del proprio gruppo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!