Juniores, il Meta espugna il Giraud: Volpe ed Esposito abbattono il Savoia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Meta FrosinoneDopo l’immeritata e incredibile sconfitta interna subita contro l’Atletico Casalnuovo (0-1 dopo che i metesi colpirono ben cinque legni e sprecarono innumerevoli occasione da rete) i ragazzi della Juniores dell’U.S. Meta hanno violato il difficilissimo “A. Giraud” di Torre Annunziata, vincendo la sfida contro la formazione favorita per la vittoria del girone, l’Oplonti Pro Savoia. Il risultato è ampiamente meritato, infatti i ragazzi del duo Ercolano-De Gregorio hanno sciorinato una gara perfetta sia dal punto di vista tattico sia come impegno e determinazione.

Dopo un avvio fatto di studio da ambedue le squadre, sono stati gli ospiti metesi a prendere le iniziativi più importanti dell’incontro e dopo un tiro dalla distanza di Porzio che ha sorvolato di un niente la trasversale, i metesi sono passati in vantaggio con Raffaele Volpe che approfittava di un errore del portiere e realizzava a porta vuota. I metesi, non paghi del vantaggio, continuavano ad attaccare e sugli scudi saliva il portiere oplontino Pinto che neutralizzava un potente tiro di Caruso. Successivamente, l’arbitro diventata il protagonista principe annullando una rete di Gargiulo del Meta al 35’ del primo tempo concedendo una inutile punizione dal limite a favore dei metesi per un fallo subito da Volpe senza concedere il vantaggio.

Nella ripresa i padroni di casa entravano in campo più determinati e attaccavano a tutto spiano nel tentativo di pareggiare le sorti dell’incontro con i metesi che con veloci ripartenze spesso hanno messo in difficoltà i difensori avversari. Al 26’ della ripresa il direttore di gara assegnava un calcio di rigore al Savoia per un fallo molto dubbio di capitan Izzo su Di Micco. Trasformazione, però, neutralizzata dal pipelet biancoazzurro Daniele Trofa che con una tuffo alla sua sinistra neutralizza la battuta di Franco. I ragazzi allenati da Miserini, nonostante il rigore fallito, continuavano ad attaccare ma senza esito. Al 33’ i metesi chiudono definitivamente la partita con Francesco Esposito, che concretizza con un perfetto diagonale una veloce ripartenza ben orchestrata da Mattia Izzo.

Il prossimo incontro in agenda è quello di domenica, quando al “Marcellino Cerulli” sarà derby contro il Massa Lubrense.

OPLONTI PRO SAVOIA – META 0-2

Marcatori: 21’ p.t. Volpe; 32’ s.t. Esposito F.

OPLONTI PRO SAVOIA: Pinto, Conte, Schippa, Bruno, Esposito, Iapicca, Franco,  Marsella, Consilia, Carovaccio, Di Micco. A disp: Cangiano, Gala,  Ruggiero, Avilia, Immobile, Fiorucci, Balsamo. All: Miserini.

META: Trofa, D’Auria, Borriello, Vanacore, Izzo Mi, Porzio, De Vita, Del Gaudio, Gargiulo, Caruso, Volpe. A disp: Russo, Esposito F, Izzo Ma,  Rastiello, De Martino, Artuso, Criscuolo. All: De Gregorio

Arbitro D’Antuono di Castellammare di Stabia.

Fonte: Area comunicazione US Meta

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!