Ebolitana – Massa Lubrense 1-0 | Cuomo: “Siamo una squadra viva. Netto il rigore su Altieri”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Inerme, Federico Cuomo assiste alla debacle del suo Massa Lubrense.

Sulla carta giocare al “Paladriceu” contro l’Ebolitana poteva sembrare una missione impossibile. Il campo, invece, ha detto tutt’altro con un Massa che non ha demeritato pagando soltanto alcune decisioni arbitrali che lasciano ancora l’amaro in bocca. Le parole del mister Federico Cuomo a fine partita lasciano trasparire tanta amarezza per quanto accaduto sul terreno di gioco.

Di negativo c’è solo il risultato, visto che il Massa ha giocato una tra le migliori partite della stagione. A viso aperto, e creando molto sul campo di una squadra che ambisce ai play-off.

“Purtroppo sembra si ripeta sempre la stessa storia. Buone prestazioni, ma poi errori nostri in alcune occasioni, e degli arbitri come nella partita di oggi finiscono per condannarci”.  

Partita maschia, tosta, combattuta soprattutto a centrocampo. I ragazzi hanno lottato ed anche a livello difensivo sono stati quasi impeccabili.

“Oggi abbiamo avuto la prova che il Massa che è una squadra viva e non debole come in tanti pensano. Purtroppo sfortuna ed episodi ci stanno penalizzando oltremisura. Siamo venuti ad Eboli, riuscendo a creare 3/4 palle gol sia prima che dopo il rigore trasformato da Salese, e non è cosa da tutti”.

Due episodi simili valutati diversamente hanno deciso la gara. Landolfi con esperienza cerca la gamba di Breglia, mentre più netto l’intervento di Camara su Altieri.

“A me dispiace ripetere le stesse cose perché potrebbe sembrare un alibi, ma Landolfi già nel primo tempo aveva provato in un paio di occasioni a cercare il rigore, ed il direttore di gara lo ha quindi accontentato nel secondo tempo. Se il metro è lo stesso, l’uscita di Camara che non prende la palla ma la faccia di Altieri è un rigore più che solare”.

Problemi fisici alla base della panchina per Luca Lauro?

“Lauro lamenta un problema all’adduttore ed è per questo che ho deciso di utilizzarlo soltanto nei minuti finali del match”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!