Post Derby| Starace: “Dobbiamo restare con i piedi per terra perché non abbiamo ancora fatto niente”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
(Benito Starace, dg del Piano Pizzeria Lucia)

(Benito Starace, dg del Piano Pizzeria Lucia)

A mente fredda, il dg Starace ripercorre le emozioni del derby di sabato con il Real Città di Vico Equense. “Il derby era una gara molto attesa, il Vico, compagine che punta al vertice era la favorita per i tre punti ma, noi siamo stati molto bravi sia in difesa che in attacco. In settimana abbiamo preparato la gara in maniera tranquilla in particolar modo sotto il profilo psicologico. Ho detto chiaramente ai ragazzi che abbiamo 32 finali, quindi dobbiamo scendere sempre in campo determinati, dando il massimo e aiutando i compagni. Il goal di Calabrese in apertura ci ha dato molta carica, poi Balduccelli ci ha fatto capire che potevamo farcela con un goal a dir poco fantastico. La retroguardia targata Mastellone, Aprea, Russo, D’Errico ha fatto gli straordinari dimostrando di fatto di essere una sicurezza per i compagni. Anche a centrocampo siamo stati molto bravi sia in fase di copertura che di costruzione del gioco, con il tempo abbiamo ampi margini di miglioramento. Il 3-0 a differenza di quanto leggo non è assolutamente frutto di fortuna, la cosiddetta “macchia” può esserlo 1-0 non il 3-0! Adesso dobbiamo restare con i piedi per terra perché non abbiamo ancora fatto niente, usciamo da questa gara con 3 punti fondamentali in ottica salvezza adesso ne dobbiamo conquistare altri 27 per poter stare tranquilli. Bisogna tornare a lavorare ancora più motivati, perché abbiamo avuto la dimostrazione che se scendiamo in campo concentrati e determinati possiamo ottenere risultati positivi”.

Nelle battute finali arrivano poi le scuse ufficiali, ad Adele Caccioppoli, regina del Massaquano: “Chiedo scusa pubblicamente ad Adele Caccioppoli la quale a fine gara si sentiva offesa da qualche atteggiamento nostro, il quale è stato assolutamente frainteso.”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!