Basket, Pol.Sorrento: Amara la prima di campionato per i ragazzi di coach Savarese

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

polisportiva logoLa Polisportiva Sorrento esce sconfitta dalla prima partita di campionato disputata sul campo della Hippo Basket Salerno che grazie anche ai suoi supporters si è imposta con il risultato di 66 a 60. Una partita giocata fin dalla palla a due con ritmi alti e grande voglia di portare a casa i primi due punti della stagione da entrambe le parti che hanno dato vita ad una partita fisica, combattuta e sempre sul filo dell’equilibrio. Inaspettatamente, i ragazzi costieri si proiettano in campo con grande forza, sorprendendo, e non poco, i padroni di casa che si vedono a rincorrere nella prima parte del primo quarto. Costretti a riorganizzarsi, i ragazzi di coach Ferrara trovano gli ingranaggi giusti per affrontare la gara e chiudo i primi dieci minuti avanti di cinque. I play della polisportiva danno parecchi problemi con la loro velocità ed il loro gioco fatto di penetrazioni rapide miste a tiri perimetrali mentre, dall’altra, i lunghi della Hippo si fanno sentire con la loro fisicità portando a molti falli, sotto il proprio tabellone, i lunghi della squadra ospite. Il secondo quarto è un copia ed incolla del primo, sempre in equilibrio e con pochi punti a referto grazie alle difese ben organizzate. Molto più teso il terzo periodo, complice anche la stanchezza che si manifesta tra le file della Hippo che, dopo aver provato a creare un parziale consistente, perde banalmente alcuni palloni dando la possibilità alla Polisportiva di creare contropiedi rapidi che la mantengono a contatto con la partita e addirittura avanti nel parziale. L’ultimo quarto è da film thriller per eccellenza: le due squadre alzano la tensione, procedono con continui capovolgimenti di fronte senza tregua fino agli ultimi due minuti di gioco. La partita viene decisa dalla maggiore esperienza di alcuni giocatori di Salerno come il gioco da tre punti di Di Capua ed il tap-in di Rago che permettono alla Hippo di festeggiare tra le mura amiche del PalaSilvestri i primi due punti della stagione. Partita tirata, equilibrata e anche con belle giocate che ha mostrato come questo campionato possa essere avvincente e tutto da seguire.

Hippo Basket Salerno- Polisportiva Sorrento 66-60 (25-20 35-30 43-44)

Polisportiva Sorrento: Sguanci 12; Esposito Domenico 15; Cascella Enrico 3; Esposito Giuseppe 22; Savarese 8; Parvolo; Di Maio; Gargiulo Michele; Francesco Ardia; Luigi Amato; Giuseppe Celentano; Esposito Alessandro.

Hippo Basket Sorrento:Viscido 20, Cardasco 10, Di Capua 11, Rago 8, Dragoni 5, Gaeta 4, Spera 4, Brigante 2, Vicidomini 2, Lentini, Russo ne. All. Ferrara

Francesco Vazza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!