Verso S. Antonio Abate – Massa Lubrense | Genny Del Prete: “Abbiamo le carte in regola per dar fastidio a tutti. Dobbiamo essere più cinici”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

del prete

Si avvicina la sfida del “Vigilante Varone” tra S. Antonio Abate e Massa Lubrense. Per analizzare il match ci rivolgiamo a Genny Del Prete, attaccante classe 1979 in forza alla squadra giallorossa. Un valore aggiunto per la categoria,  con i suoi 126 gol realizzati in 387 gare tra C1 (Andria), C2 (Nardò, Puteolana, Paternò, Igea, Palmese e Cavese) e Serie D (Lavello, Francavilla, Terracina, Manfredonia e Grottaglie).

Esperienza e gol a grappoli tra Serie D e Lega Pro. Cosa ti ha spinto a scegliere il progetto del S. Antonio Abate?

“Sicuramente la grande amicizia che mi lega al mister Cimmino, e poi ricordo che S. Antonio Abate, anche in passato, è stata sempre una piazza abbastanza importante”.

Con quali ambizioni si presenta il S. Antonio Abate? Si può dire che aspiri alla parte medio-alta della classifica?

“Sono d’accordo. Sicuramente ci sono squadre nel girone che sono più attrezzate di noi per vincere il campionato, però penso che abbiamo tutte le carte in regola per dare fastidio a tutti, anche alle squadre più blasonate. Dobbiamo soltanto capire cosa stiamo sbagliando nelle ultime gare”.

Soltanto 3 punti nelle prime 3 giornate di campionato, tra le mura amiche contro il Castel San Giorgio. Cos’è mancato finora per avere continuità?

“Abbiamo certamente commesso degli errori. Dobbiamo essere più concreti, cattivi, vogliosi di conquistare l’intera posta in palio”.

Quali sono, oltre a te, i calciatori più rappresentativi del S. Antonio Abate?

“Abbiamo diversi giocatori importanti come Noviello, Forino, Napolitano insieme a tanti altri che possono far bene”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Uno dei punti di forza del S. Antonio Abate è la duttilità tattica. A Sorrento con il 4-3-1-2, ieri in coppa contro la Palmese con il 4-4-2.

“Credo che il modulo lasci il tempo che trovi. Si parla tanto di numeri, ma alla fine in campo andiamo noi calciatori. Quando si sbaglia una partita, non dipende dagli schemi ma da noi”.

Contro il Massa troverete una squadra con il morale a mille per la vittoria ottenuta contro il Montesarchio, ma soprattutto affamata di punti.

“Tutte le partite sono difficili, ed in questa categoria ancora di più. Se noi pensiamo di essere una buona squadra, dobbiamo poi dimostrarlo sul campo. Da domani in poi, dovremo fare tutti un passo indietro, provare ad essere più cinici in modo da far venir fuori tutto il nostro valore”.

Che insidie può nascondere la partita di domani?

“Al di là del rispetto per il Massa, dobbiamo vincere per noi stessi, per il morale e per smuovere la classifica”.

Che partita ti aspetti e come credi possa sbloccarsi il match?

“Sarà di certo una partita tosta. Ma se saremo intelligenti, umili e soprattutto se non ci risparmieremo fino all’ultimo minuto, potremo portare a casa un risultato importante”.

La settimana scorsa hai affrontato il Fc Sorrento. Che impressioni hai avuto? La ritieni la più seria candidata alla vittoria del campionato?

“Sicuramente è una buona squadra, anche se a mio parere il risultato è stato largo principalmente per colpa nostra, poiché abbiamo disputato una gara da dimenticare dall’inizio alla fine. È indubbio che si tratti una squadra con valori importanti, ma ritengo che il Città di Nocera abbia qualcosa in più”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!