Massa Lubrense – Montesarchio 3-2 | Federico Cuomo: “Mancavano 5-6 titolari. Serve ancora più concentrazione e cattiveria. Contro il S. Antonio Abate speriamo di dare una svolta al campionato.”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

12002255_1062190243803380_4783197177892976962_n

Vittoria importantissima per il Massa Lubrense che, in inferiorità numerica per tutta la seconda frazione di gioco, riesce ad avere la meglio del Montesarchio per 3-2. Vantaggio da difendere con le unghie e con i denti nella gara di ritorno che avrà luogo il 14 ottobre in terra sannita. Visibilmente soddisfatto, a fine partita, l’allenatore della squadra costiera Federico Cuomo.

Contro il Montesarchio è giunta una vittoria importante, che fa morale soprattutto per il modo in cui è maturata. In 10 per tutto il secondo tempo a causa di una decisione arbitrale discutibile, la squadra è riuscita a reagire nonostante il 2-2 ed a vincere grazie ad una punizione di Luca Lauro.

“Abbiamo, senza ombra di dubbio, migliorato le prestazioni precedenti. Ci siamo confrontati con una squadra importante e, pur soffrendo tanto, siamo riusciti a portare a casa il risultato”.

Turn-over forzato a causa degli infortuni che hanno attanagliato soprattutto la linea difensiva. Nessuno se n’è accorto.

“Mancavano ben 5-6 ragazzi per vari problemi, ma devo dire che coloro che finora avevano giocato meno hanno risposto bene. Molto bene”.

Ancora una volta, il Massa ha palesato problemi nella gestione del vantaggio. Così come in campionato, anche contro il Montesarchio subito dopo essersi portato in vantaggio, arrivava puntuale la grave disattenzione che rischiava di compromettere tutto.

“Sì, anche oggi è successo per ben due volte. Sia in occasione del gol dell’1-1 che nell’episodio del rigore poi parato da Stinga nei secondi finali del primo tempo. Abbiamo bisogno ancora di più concentrazione, cattiveria. La cosiddetta “cazzimma” per dirla alla napoletana”.

Sul piano del cuore, questa squadra non tradisce mai.

“Sotto quest’aspetto stiamo migliorando. Già domenica non meritavamo assolutamente la sconfitta giunta all’ultimo secondo di gioco. Purtroppo ultimamente anche gli episodi ci stanno girando sempre contro, ma speriamo di poter dare una svolta al nostro campionato già da sabato contro il S. Antonio Abate”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!