Positano – Mariglianese 0-0, Guarracino: “Buona gara. Creato tanto, ma in modo confusionario”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Antonio Guarracino (foto Fabio Fusco)

Antonio Guarracino (foto Fabio Fusco)

Continua la striscia positiva del San Vito Positano, che contro un’ostica Mariglianese dimostra di essere in crescita costante sia sotto il profilo del gioco che sotto quello caratteriale. Aspetti, questi, che rincuorano il tecnico giallorosso, Antonio Guarracino: “Così come avevo messo in preventivo alla vigilia, la gara si è rivelata estremamente complicata ma, oltre al risultato comunque buono, sono particolarmente soddisfatto delle risposte che ho avuto dai miei giocatori. La squadra, infatti, ha espresso un buon calcio e non ha demeritato nemmeno nel confronto fisico: conoscendo le caratteristiche della Mariglianese e sulla base dei riscontri avuti negli ultimi allenamenti, ho infatti preferito rinunciare a Porzio e Scippa dando fiducia, ampiamente ripagata, a D’Esposito ed Inserra. Nonostante l’avversario fosse di ottimo livello, siamo riusciti a partire bene, creando molto ma forse in maniera troppo confusa: con un po’ di ordine in più avremmo meritato almeno di andare al riposo sul doppio vantaggio. Della ripresa, invece, sono particolarmente soddisfatto del primo quarto d’ora, in cui c’è stato peraltro anche annullato un gol che, ancora adesso, fatico a spiegarmi: il direttore di gara, infatti, ha fischiato a Cifani un fallo da lui subito e non commesso. Al di là dell’episodio, questa gara mi restituisce un Positano sempre più vicino a quello che ho in testa: c’è comunque ancora tanto da lavorare, deve crescere l’intesa tra i reparti e va trovato il giusto assetto, ma siamo sulla buona strada”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!