Vigilia di Positano – Mariglianese, Guarracino: “E’ il nostro primo banco di prova”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Antonio Guarracino (foto De Martino)

Antonio Guarracino (foto De Martino)

La Mariglianese è il nostro primo, vero, banco di prova”. Alla vigilia del match contro la formazione vesuviana, l’allenatore del San Vito Positano, Antonio Guarracino, lascia filtrare un pizzico di timore reverenziale nei confronti di un’avversaria che, negli anni, si è costantemente palesata come una delle più difficili da affrontare: “Solitamente non sono mai preoccupato, ma stavolta tempo particolarmente questa sfida. Ci troveremo di fronte una vera squadra di Eccellenza e, forse, non abbiamo studiato ancora fondo per questo esame per via del poco tempo a nostra disposizione. Una squadra tosta e quadrata come la Mariglianese avrei sicuramente preferito affrontarla più avanti, quando i nostri meccanismi si saranno ben consolidati. Al momento, come è giusto che sia visto che siamo appena ad inizio stagione, balbettiamo ancora troppo e durante i novanta minuti viviamo troppi alti e bassi”.

Nonostante il ruolino di marcia, con quattro punti in due partite, sia quasi perfetto, da maniaco della perfezione tattica Guarracino snocciola tutti i limiti finora palesati dai suoi: “Dobbiamo migliorare sotto l’aspetto tattico. Voglio una squadra solida, che sia difficile da perforare. Spero di raggiungere quanto prima il livello che mi sono prefissato, ed allora sarà difficile per qualunque avversario metterci seriamente in difficoltà”. Un contributo importante al raggiungimento del top dell’alchimia lo porterà sicuramente anche Antonino Di Leva. Dopo un periodo passato ai box per infortunio, l’ex Sant’Agnello è pronto per essere gettato nella mischia: “Sarà sicuramente un’arma in più da sfruttare a gara in corso

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!