Verso Massa Lubrense – Castel San Giorgio | Giuseppe Breglia: “Massa è stata una scelta di cuore. Non temiamo nessuno, e domani vogliamo fare bottino pieno”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Non basta il gol nel finale di Giuseppe Breglia.

Giuseppe Breglia

A poco più di 24 ore dalla fondamentale sfida in chiave salvezza tra Massa Lubrense e Castel San Giorgio, l’adrenalina inizia a salire. I nerazzurri hanno bisogno di punti per allontanarsi da una zona di classifica che non rispecchia il reale valore della compagine costiera, spesso penalizzata da alcuni episodi sfavorevoli. Analizziamo il match con il centrocampista costiero Giuseppe Breglia. Classe 1993, nella prima parte della scorsa stagione ha collezionato 8 presenze con la maglia del S, Agnello per poi passare al Massa Lubrense, dove si è particolarmente distinto segnando 3 gol in 16 partite, per un totale di 936 minuti giocati.

Quest’hanno hai rifiutato alcune offerte per restare a Massa. Cosa ti ha convinto a sposare di nuovo il progetto nerazzurro?

“È stata una scelta di cuore. Qui ho tanti amici, sto più tranquillo e mi sento veramente a casa. Poi, la volontà della società nel voler puntare sui ragazzi della costiera mi ha maggiormente invogliato ad accettare, indipendentemente dalla categoria”.

L’anno scorso hai iniziato a S. Agnello per poi disputare la seconda parte di stagione qui a Massa, dove ti sei consacrato segnando anche tre gol. Cosa è cambiato?

“Ha fatto la differenza il rapporto con i miei compagni di squadra. Forse a S. Agnello giocavo con calciatori di grande esperienza, mentre a Massa conoscevo i compagni non solo dal punto di vista professionale ma soprattutto umano. Questo ha fatto sì che mi trovassi meglio”.

Dei tre gol che hai fatto, quale quello più bello o importante?

Penso quello contro il S. Antonio Abate. Eravamo sul 2-1, mancavano pochi minuti, e segnai il 3-1 che diede a tutta la squadra più tranquillità.

Passiamo invece a quest’anno. Dopo l’infortunio patito in amichevole a Pomigliano, sei finalmente rientrato a partita in corso contro il Valdiano. A che percentuale sei? Pronto per partire titolare domani?

“Ho la fortuna di amare questo sport, per cui sono pronto ad essere titolare tutte le settimane. È chiaro che, rientrando dopo un mese di stop, non potevo essere ancora al massimo contro il Valdiano. Confesso di non aver avuto il fiato corto, per cui mi ritengo già ad un buon livello. Credo che, lavorando intensamente, nel giro di un paio di settimane sarò di nuovo al top. In ogni caso, se il mister deciderà di mandarmi subito in campo, sono pronto e preparato a dare tutto”.

A Teggiano si è persa una grossa opportunità. Il Massa ha fatto gioco, creato tanto senza però riuscire a concretizzare le tante occasioni. Purtroppo, alla lunga, chi sbaglia paga.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

“Eravamo partiti fortissimo e stavamo giocando una grande partita. Andare in trasferta e passare subito in vantaggio credo sia il sogno di qualsiasi squadra, soprattutto su un pessimo campo sterrato come quello di Teggiano. Abbiamo avuto l’occasione per raddoppiare ma non siamo riusciti a sfruttarla, poi abbiamo iniziato a soffrire le loro incursioni soprattutto lungo il nostro versante destro ed alla fine siamo usciti sconfitti. In ogni caso, sono certo che se tutta la squadra continua a lavorare duramente, seguendo le indicazioni del mister, inizieremo presto a raccogliere i primi punti in classifica”.

Al di là del campo, si è pero rivisto il consueto copione. Un Massa che gioca bene, dilapidando però tutto per alcune leggerezze in fase difensiva. C’è ancora da lavorare per mettere a punto alcuni automatismi?

“Onestamente non darei tutta la colpa alla difesa, perché se un lancio lungo dalle retrovie arriva direttamente a ridosso della nostra area, le colpe sono di tutti. Dobbiamo ancora crescere, soprattutto perché siamo una squadra che è cambiata molto rispetto alla stagione scorsa, ed è normale che ci voglia un po’ di tempo per creare il giusto amalgama e perfezionare alcuni meccanismi. Il mister sta lavorando bene e presto arriveranno anche i risultati”.

Contro il Castel San Giorgio sembra già una partita da ultima spiaggia. Appaiate entrambe a 0 punti, nessuna può permettersi di perdere.

“Per me ogni partita, che sia contro la prima o l’ultima, vale come una finale. Vincere è sempre importante perché ti dà morale e ti permette di lavorare meglio e con più serenità durante la settimana. Contro il Castel San Giorgio non sarà già una sfida cruciale perché mancano tante partite, però sarebbe importantissimo portare a casa i tre punti. Ne abbiamo davvero bisogno perché non meritiamo di stare in fondo alla classifica. La squadra è valida, ci alleniamo bene, forse dobbiamo soltanto essere più concentrati in alcuni momenti. Secondo me domani cambierà già qualcosa, perché giochiamo in casa, su un campo sintetico ma soprattutto praticabile e daremo il massimo per conquistare la vittoria”.

Come può essere sbloccata, a tuo parere, una partita del genere?

“Poiché sia il Massa che il Castel San Giorgio non hanno ancora mosso la classifica, cercheranno in tutti i modi di ottenere i tre punti. Noi non temiamo nessuno, neanche le squadre più forti, perché in campo si va undici contro undici e tutto può succedere. Abbiamo però le giuste motivazioni e tanta voglia di fare bottino pieno”.

Magari si sblocca con uno dei tuoi inserimenti.

“Io posso solo dire che darò il massimo per la squadra. Sia se partirò titolare, sia se il mister deciderà di schierarmi a partita in corso. Anche in tribuna potrei dare il giusto sostegno ai ragazzi sul terreno di gioco. Anche se non sono ancora al top, non lesinerò mai una corsa per i compagni e per la squadra, perché tutto, anche un semplice episodio, potrà decidere la partita”.     

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!