Verso FC Sorrento – S.Antonio Abate, Scarpa: “Primi non per caso, ma possiamo fare meglio. Qui c’è un progetto che in Lega Pro si sognano”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Francesco Scarpa (foto Carmine Galano)

Francesco Scarpa (foto Carmine Galano)

La nostra leadership in solitaria non è assolutamente una sorpresa. Personalmente, ci avrei messo la mano sul fuoco già dal primo giorno di ritiro. Qui nulla è lasciato al caso, quindi l’essere partiti con la marcia giusta è solo la logica conseguenza di un lavoro certosino su cui basare anche il futuro. Continuando su questa strada difficilmente qualcuno riuscirà a scalzarci dalla vetta”. Parla da leader Ciccio Scarpa. E non potrebbe essere altrimenti. Il capitano e numero dieci rossonero è la guida riconosciuta, in campo e fuori, del FC Sorrento.

Sul rettangolo verde, l’ex Savoia ha già trascinato con tre gol ed innumerevoli giocate i suoi compagni in vetta al girone B di Eccellenza, mentre al di fuori rappresenta l’esempio perfetto di professionalità e dedizione alla causa: “Dal punto di vista personale non posso che essere soddisfatto del mio avvio di stagione ma, allo stesso tempo, sono consapevole di poter dare ancora di più a questa squadra. Contestualmente, anche tutto il collettivo ha ampi margini di miglioramento: cali di concentrazione come negli ultimi venti minuti della gara contro il Castel San Giorgio non devono più ripetersi. Abbiamo tutte le carte in regola per vincere questo campionato e non possiamo permetterci di abbassare la guardia nemmeno un istante: centrare l’obiettivo della promozione diretta è infatti ampiamente nelle nostre corde, ma non per questo sarà una passeggiata. Tante saranno le sfide ostiche da giocare su campi altrettanto difficili, quindi solo al top della forma fisica e mentale potremmo farcela”.

Fuoriclasse sprecato per una categoria come l’Eccellenza, a quasi due mesi Scarpa svela i motivi della scelta del rifiuto all’Ischia, tra i professionisti, per fare il doppio salto all’indietro nel massimo campionato dilettantistico regionale: “E’ vero, anche in Lega Pro avrei avuto la possibilità di fare ancora la differenza. Ma ciò che mi ha spinto ad accettare l’offerta di Giglio è la progettualità che c’è alle spalle di questa società: qui c’è una voglia di fare calcio realmente e seriamente che in tante piazza professionistiche possono solamente sognarla. Poi, c’è da riportare una piazza come Sorrento su palcoscenici ben diversi e, soprattutto, far appassionare nuovamente una tifoseria che, negli anni addietro, pur rappresentando il massimo esempio di civiltà, sapeva farsi rispettare tra le mura amiche, facendo diventare lo stadio “Italia” un fortino inespugnabile”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!