Verso Massa Lubrense – Castel San Giorgio | Biagio Capuano: “Sarà una gara dura e tesa in cui anche un episodio potrà rivelarsi determinante”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

capuano

A pochi giorni dalla fondamentale sfida del “Cerulli” tra Massa Lubrense e Castel San Giorgio abbiamo avuto la possibilità di analizzare i temi della partita con l’attaccante della squadra ospite Biagio Capuano. Già da alcuni anni nelle fila del Castel San Giorgio, domenica scorsa ha segnato il gol dell’1-2 con il quale la sua squadra ha provato a mettere i bastoni tra le ruote alla corazzata Fc Sorrento. Punta esterna classe 1984, per lui 23 presenze e 3 reti nell’ultima stagione, per un totale complessivo di 1723 minuti giocati.

Il Castel San Giorgio ha tenuto testa, anche in 10, al Fc Sorrento che ha chiuso il match soltanto nei minuti finali. Segno che avete preparato alla grande un match sulla carta proibitivo.

“Il mister aveva preparato molto bene la gara in settimana, mentre noi abbiamo fatto la nostra parte sotto il piano del sacrificio e della determinazione, riuscendo a tratti anche a mettere in difficoltà il Fc Sorrento. Alla fine hanno fatto la differenza individualità importanti come Vitale e Scarpa che hanno permesso ai costieri di portare a casa i tre punti”.

Attraverso quali caratteristiche il Castel San Giorgio è riuscito a tenere a freno un’imponente macchina da gol, capace di realizzare ben 6 reti all’esordio contro il Valdiano?

“Posso solo dire che dal punto di vista di abnegazione e impegno abbiamo dato tutti il 110% e credo che proprio questo sia stato il fattore principale che ci ha permesso di tenere testa, fino alla fine, ad una corazzata come il Fc Sorrento”.

Che impressione hai avuto del Fc Sorrento, squadra che, insieme al Città di Nocera, recita il ruolo di favorita per il salto in Serie D?

“Voglio fare i complimenti al club rossonero, squadra attrezzatissima e che sono certo lotterà fino all’ultimo con i molossi per la vittoria del campionato”.

La tua squadra si affaccia a questo campionato di Eccellenza da matricola. Quali sono obiettivi ed ambizioni del Castel San Giorgio per questa stagione?

“Siamo riusciti a mantenere una buona ossatura della squadra che ha vinto il campionato in Promozione ed il nostro obiettivo è quello di conquistare la salvezza. Prestazioni come quella di domenica ci fanno capire che siamo sulla buona strada”.

Contro il Fc Sorrento la squadra è scesa in campo con il 4-4-2. È questo il modulo di riferimento o, durante la settimana, affinate anche altre varianti tattiche?

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

“Il nostro mister sa essere camaleontico, adattandosi alle caratteristiche della squadra avversaria e ci impartisce le opportune direttive in base al rivale di turno. Se riusciremo a mettere in pratica le sue indicazioni, sono certo che la salvezza sarà ampiamente alla nostra portata”.

Quali sono, a tuo parere, i calciatori più rappresentativi del Castel San Giorgio?

“Sicuramente il centrocampista Gennaro Ferrara, che può vantare una buona esperienza nel calcio professionistico, ed il difensore Catello Porzio, acquistato in settimana. Un calciatore di carattere che sa trasmettere sicurezza a tutta la retroguardia”

Dopo due giornate Castel San Giorgio e Massa Lubrense si trovano appaiate in coda alla classifica a quota zero punti. Si può dire che lo scontro diretto di sabato prossimo sarà uno snodo cruciale in vista del prosieguo della stagione?

“Sicuramente saremo di scena su un campo difficile, in cui troveremo un Massa agguerrito dal momento che anch’esso ha assoluto bisogno di conquistare i tre punti. Magari è troppo presto per definirla una sfida cruciale, ma vincere porterebbe senza dubbio entusiasmo e morale”.

Al “Cerulli” sarà una gara che rischia di far lavorare con un’insostenibile pressione chi dovesse uscire sconfitta. Ti aspetti una gara aperta o le due squadre proveranno prima di tutto a non perdere?

“Credo che sarà una gara chiusa e tesa, con molte palle lunghe ed in cui bisognerà lottare tantissimo sulle seconde palle. La classica gara in cui un episodio può essere determinante”.

Il primo gol stagionale del Castel San Giorgio porta la tua firma. Segno che su di te poggerà il peso offensivo della tua squadra?

“Questo non lo so. Spero di continuare così e che i miei gol si possano tradurre in punti importanti per il Castel San Giorgio. In attacco sono però in buona compagnia. Ci sono Lucarelli, D’Auria e tanti “under” interessanti che spero possano aiutarci tanto a raggiungere l’obiettivo salvezza”.

Quali soni i tuoi obiettivi personali e di squadra per la stagione?

“Per me la squadra viene prima di tutto, per cui il mio obiettivo è la salvezza del Castel San Giorgio. Mi auguro, infine, che possano uscire fuori dei ragazzi del ’97 e ’98 potenzialmente molto interessanti”.  

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!