Castel San Giorgio – Fc Sorrento: I top e flop di giornata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Micallo incappa nella  giornata storta  (foto Galano)

Micallo incappa nella giornata storta (foto Galano)

Football Club Sorrento che vince, ma non convince al Sessa di Castel San Giorgio.
Un successo per 2-1 con più ombre che luci vista la superiorità numerica con cui i rossoneri di Turi hanno giocato nel corso della seconda parte di gara.

Top
Scarpa: Manco a dirlo è lui che prende per mano la squadra e piazza le due zampate decisive che portano tre punti da aggiungere alla classifica. Avrebbe la chance di fare altre due reti, ma sulla prima è bravo Cesarano, sulla seconda si incarta con la palla.

De Gregorio: Ci ha messo la faccia, la gamba e l’irriverenza del debuttante il giovane classe ’99. Tiene botta anche quando il Castel San Giorgio prova a sfondare dalle sue parti. Guardingo bada al sodo e tenta anche la conclusione.

Una piccola sbavatura in una gara da navigato difensore per Arpino

Una piccola sbavatura in una gara da navigato difensore per Arpino

Arpino: Preciso, baldanzoso e puntuale. Blinda Russo fino a quando Capuano non fa 1-2, forse partendo da off-side. Giovane con personalità.

Flop

Micallo: E’ strano inserirlo in questa classifica, perché è riuscito sempre a svolgere il proprio compito con puntualità. Al Sessa patisce maledettamente l’avvio furente degli avversari e sbaglia diversi appoggi.

Maisto: A lui è stata consegnata la bacchetta per dirigere l’orchestra, la partita non è semplice, ma si eclissa subito. Ferrara lo bracca in ogni dove e nella prima parte di gara si vede poco o nulla.
In superiorità numerica non trova il bandolo della matassa per mandare in rete i compagni, ma solo per tenere i ritmi bassi, troppo bassi invece di alzarli e chiuderla prima del 43esimo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!