FC Sorrento – Real Campania 7-0, Izzo: “Orgoglioso della tripletta, ma il collettivo viene prima di tutto”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Riccardo Izzo (foto Luigi Penna)

Riccardo Izzo (foto Luigi Penna)

Mattatore a sorpresa dell’ultimo turno della fase a gironi della coppa Campania riservata alle società di Eccellenza e Promozione, Riccardo Izzo è l’uomo copertina del pomeriggio afoso allo stadio “Italia”. Le tre reti rifilate al Real Campania all’esordio assoluto in maglia rossonera sono un bel biglietto da visita per il classe 1993, chiamato a recitare il ruolo di rincalzo di lusso in un reparto avanzato che annovera un mostro sacro del calcio campano quale Francesco Scarpa: “Innanzitutto desidero ringraziare l’allenatore che mi ha dato la possibilità di giocare dal primo minuto – commenta, a caldo, Izzo. – Sono ovviamente molto contento della tripletta perché è servita a regalare a tutta la squadra l’obiettivo dell’accesso ai sedicesimi di finale, ma gran parte del merito è di Scarpa che mi ha servito degli assist d’oro: oltre ad essere un campione nel rettangolo di gioco, il nostro capitano lo è anche al di fuori. Lui rappresenta l’esempio per tutti noi giovani e non manca di dispensarci consigli in ogni situazione”.

Dopo una stagione passato ai box, l’ex Vico Equense, Pomigliano, Gladiator e CTL Campania è pronto a rilanciarsi in un ambiente e con una società che punta alla valorizzazione dei giovani. La sua ambizione, almeno nel breve periodo, non sembra poter aver vita tanto semplice vista la folta concorrenza, ma Izzo ha pazienza e, soprattutto, voglia di dimostrare le sue qualità: “Sono un esterno d’attacco, ma sono pronto ad adattarmi in qualsiasi altra posizione perché ho voglia di giocare e di dare il mio contributo. Da sempre ho come obiettivo primario quello di sudare la maglia in qualsiasi occasione, dal semplice allenamento al campionato, passando per la coppa. Sotto il profilo personale, quindi, per quest’anno m’interessa solamente uscire dal campo avendo dato il massimo per la squadra quando il mister avrà bisogno di me. Il collettivo viene sempre prima di tutto, solamente dopo guardo la mia prestazione”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!