Presentazione dirigenza FC Sorrento, Di Leva: “Chi va in campo giochi con passione”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Salvatore Di Leva (foto Pollio)

Salvatore Di Leva (foto Pollio)

Da ragazzino, ha provato anche lui a farsi spazio tra la polvere per provare a diventare un vero calciatore. Sul rettangolo di gioco dello stadio “Italia” (già allora etichettato come inadeguato e fatiscente) inseguiva quel sogno con la maglia della formazione Allievi del Sorrento, proprio mentre la prima squadra conquistava la storica promozione in serie B. Poi, dopo qualche stagione in prestito al Positano, quella passione cominciò a scemare, cedendo il passo ad un’innata capacità imprenditoriale. Ora, Salvatore Di Leva, nel frattempo diventato armatore dell’Alilauro-Gruson, nel mondo del calcio ci è ritornato, ed insieme a Franco Ronzi e Paolo Durante sarà il presidente onorario del Football Club Sorrento: “Sono stati proprio loro a convincermi, ma avevo già vacillato alla prima proposta di Giglio – confida Di Leva. – Con questa compagnia, non si poteva che abbracciare questo progetto”.

Alla prima esperienza da dirigente calcistico, l’imprenditore sorrentino dimostra dimestichezza e traccia già la prima rotta da seguire: “Chi scenderà in campo deve giocare con passione, proprio come facevamo quando io ero calciatore. Dal mio canto, resto convinto che sia necessario occuparsi anche della promozione di un settore giovanile che permetta al maggior numero di ragazzi di avvicinarsi ad un pallone”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!