Massa Lubrense sconfitto al “San Michele” dal Gragnano (1-5)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

11215767_1144348698913333_7748426117803958345_n

Test importante questo pomeriggio per il Massa Lubrense che al “San Michele” di Pimonte affrontava il Gragnano guidato dal confermatissimo Maurizio Coppola, autore della cavalcata che ha riportato i gialloblù in Serie D dopo 8 anni.
Il Massa ha provato a far la sua partita, pur cosciente di trovarsi di fronte una squadra di categoria superiore che lavora insieme da fine luglio, ma soprattutto molto più rodata. Per i leoni, infatti, si trattava della settima amichevole dopo Equipe Campania (affrontata due volte), Formazione Juniores, Ischia, Ercolano e Cavese.
Federico Cuomo è costretto ad operare alcuni cambi forzati rispetto alla formazione schierata contro il Pomigliano, pur restando inizialmente fedele al 3-5-2. In porta Stinga festeggia il suo 22° compleanno partendo titolare al posto di Fiorentino, ed a sua difesa Malafronte, Apreda ed il ’96 Fiore. Mediana a 5 con Altieri confermato play davanti alla difesa e, da destra a sinistra, Cacace, Vinaccia, Veniero e Perno. Quindi Volpe e De Simone con il compito di scardinare la retroguardia del Gragnano.
I costieri, anche a causa dei carichi di lavoro, soffrono fin dall’inizio il 4-3-3 del Gragnano ed in particolare le sovrapposizioni sugli esterni con Carfora e Cassetta ben supportati da De Biase e soprattutto Baleotto lungo l’out sinistro, mentre Apreda è costretto agli straordinari per contenere Lupacchio in grande spolvero. Al 6’ Gargiulo colpisce alto di testa su corner dalla sinistra. Quindi Stinga si supera in due occasioni, prima togliendo dall’incrocio una gran botta di Carfora, poi opponendosi a un colpo di testa da pochi passi di Lupacchio. Al 17’ il Gragnano passa. Carfora va via sulla destra e mette al centro per Lupacchio che insacca da distanza ravvicinata. Al 24’ i gialloblù raddoppiano. Lupacchio ruba palla ad Altieri a centrocampo, va via in progressione e dopo aver superato un uomo fa partire un tiro insidioso che finisce in rete dopo aver colpito il palo alla destra di Stinga. Il Massa batte un colpo al 31’ con un tiro da fuori di Altieri che De Marino blocca senza troppi patemi. Al 35’ il Gragnano cala il tris. Punizione dal limite dell’area, leggermente spostata sulla sinistra. Va alla battuta Martone, che fa partire un rasoterra che va a infilarsi nell’angolino basso alla sinistra di Stinga.
Federico Cuomo corre ai ripari, sostituisce Volpe con Gargiulo V. e si mette a specchio con Cacace e Gargiulo larghi e De Simone al centro dell’attacco. La squadra trova equilibrio ed al 44’ anche il gol. Straordinaria azione personale di Cacace che va via a De Biase e crossa al centro per Gargiulo V. Tap-in vincente e primo gol del Massa Lubrense in pre-season.
Consueta girandola di cambi nella ripresa. Entrano in campo Paolo Fiorentino per Stinga e poi Vanacore, Izzo, Somma, D’Auria, Valestra, il neo-acquisto Luca Lauro, L. Fiorentino e E. Apreda.
Seconda frazione di gioco che parte con ritmi molto blandi e poche occasioni degne di nota. Al 62’ Somma, su calcio piazzato, calcia fuori alla destra di De Marino. Quindi, dopo un cross di Altieri respinto dalla retroguardia gialloblù, Vanacore spara altissimo. Il match si infiamma improvvisamente nel finale. Fiorentino si supera per deviare con l’aiuto del palo una conclusione del solito Lupacchio. Al 74’ grande occasione per D’Auria, che lanciato in verticale da Somma cincischia davanti a De Marino e si fa deviare la conclusione in corner. Pochi minuti dopo il Gragnano va ancora a segno. Cross dalla destra di Chierchia, confusione in area, e l’ex La Monica batte Fiorentino con un preciso colpo di testa. L’estremo difensore nerazzurro compie altri due miracoli su punizione di Martone e conclusione a botta sicura di Lupacchio, ma è poi costretto a capitolare sulla splendida conclusione di Vitiello, che va a togliere le ragnatele dal sette alla sinistra di Fiorentino.
Finisce quindi con una sconfitta per 1-5 la seconda uscita stagionale del Massa Lubrense, che se sul piano del risultato conta ancora relativamente, ha offerto però al mister Federico Cuomo ulteriori spunti, riflessioni e situazioni da correggere in vista dei prossimi impegni.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!