Il mercato degli ex costieri: Ferrara, Visciano e Serrapica

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

ferrara

Il mercato infuria sotto l’ombrellone. Le trattative si susseguono a ritmi frenetici, e tante riguardano le compagini costiere ai blocchi di partenza della nuova stagione ormai alle porte.

Fabio Ferrara è stato tra i pochi a salvarsi nella disgraziata stagione che si è conclusa con l’inopinata retrocessione del Sorrento Calcio tra i dilettanti regionali. Il difensore casertano, ex Isola Liri e Celano, scelse di vestire la maglia rossonera all’apertura del mercato invernale. La retroguardia aveva bisogno di un leader che sapesse guidare il reparto e dargli sicurezza, dopo la diaspora di calciatori e l’addio di Garbini e La Rosa nel post-Frattese. Esordio sul campo di patate del Ravagnese contro l’Hinterreggio ed una stagione conclusa con 15 presenze senza riuscire però a trovare la via del gol, a causa dei legni o di prodezze degli estremi difensori rivali. La maglia rossonera cucita addosso, come dimostra la finale play-out che ha voluto giocare a tutti i costi nonostante un problema alla caviglia per il quale lo staff medico consigliava riposo assoluto e che lo ha poi costretto per un mese ai box a stagione ormai conclusa.
Ferrara ha accettato la corte della Nuorese, ambiziosa società sarda militante nel Girone G di Serie D. Dopo il fallimento del 2008, i verdeblù sono ripartiti da zero. Dopo due campionati consecutivi vinti in Promozione ed Eccellenza, nella scorsa stagione, quella del ritorno in D dopo 8 anni, i barbaricini ottengono un tranquillo decimo posto. Ora, si preparano ai nastri di partenza con ambizioni di vertice.

Il calciomercato entra nel vivo anche per il Città di Sorrento di Mario Turi. Dopo il verdetto del Consiglio Federale che ha bloccato il ripescaggio in D ed in attesa del ricorso al Coni, proseguono senza sosta le trattative per costruire un organico in grado di poter fare la differenza in Eccellenza e puntare al salto di categoria.
Il forte e duttile centrocampista Ivan Visciano ha avuto un abboccamento con la società del patron Giglio. Il classe ’87 nativo di Torre del Greco ha disputato un’ottima prima parte di stagione tra le fila del Sorrento, schierato con ottimi risultati sia nel suo ruolo naturale di centrocampista centrale che da terzino sinistro. Ruolo, quest’ultimo, mai coperto da un calciatore di ruolo e che ha costretto il mister Roberto Sosa ad inventarsi sempre nuove soluzioni adattando oltre allo stesso Visciano anche Esposito e Caldore. Per lui 12 presenze in rossonero prima di accasarsi al Pomigliano dove ha collezionato altre 19 “caps”. Le strade di Visciano e dei bianconeri del presidente Pipola e del confermatissimo mister Sorianiello, impegnati a costruire una corazzata per puntare al salto tra i professionisti, sembravano percorrere binari paralleli ed il Città di Sorrento seguiva con occhi interessati, pronto ad inserirsi per riportare il centrocampista in Costiera.
Come un fulmine a ciel sereno arriva però il comunicato del club vesuviano che inserisce Visciano tra gli 11 atleti confermati e pronti a partire e sudare con i compagni nel ritiro di Serino.

Al centro dei rumors finisce anche l’ex playmaker del Sant’Agnello, Giovanni Serrapica. Il classe ’81 nativo di Pompei giunse in Costiera 3 anni fa grazie alle positive referenze del mister Antonio Guarracino. Le 27 presenze agli ordini di Mario Turi, e l’ottima stagione della sua squadra che ha sfiorato la promozione in Serie D sconfitta soltanto in semifinale dei play-off nazionali dal Città di Scordia, hanno attirato sul centrocampista le mire di tante compagini importanti, seriamente intenzionate ad accaparrarsi le sue prestazioni sportive. Su tutte il neonato Città di Nocera, che sta mettendo su una squadra di grande qualità ed esperienza che non nasconde le proprie velleità di vittoria del campionato e la voglia di ripercorrere i fasti della storica Nocerina, sparita dai radar del calcio nazionale a seguito di tante problematiche extra-sportive.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!