Città di Sorrento, piace Leone. Ma il sogno resta Cunzi

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Franco Giglio e Mario Turi

Franco Giglio e Mario Turi

Tra i tanti calciatori che nella serata di mercoledì, richiamati dal fascino del Top Sports Awards 2015, hanno affollato il Grand Hotel “Parco del Sole”, c’era anche Nicola Leone. Il centrocampista classe 1992, reduce dall’esperienza alla Battipagliese, con cui, ai play – out, ha condannato il Sorrento calcio alla retrocessione in Eccellenza, ha incontrato due giorni fa patron Franco Giglio e Mario Turi proprio nell’elegante albergo di Sant’Agnello. Il biondo mediano, ex Arzanese in C2, è tra i candidati alla mediana del nuovo Città di Sorrento, che potrebbe ancora contare su Sasà Sibilli e Rosario De Rosa.

Per l’attacco, dopo aver perso anche Del Sorbo, accasatosi alla Cavese, uno dei sogni proibiti di Turi resta Evangelista Cunzi. Il funambolico attaccante napoletano piace molto al tecnico di Gragnano e potrebbe presto convincere Giglio a tentare l’affondo. Dal suo canto, Cunzi, svincolato dopo l’ultima esperienza alla Casertana, attende ancora una chiamata dalla Lega Pro. In caso contrario, l’ex Ischia e L’Aquila, sarebbe disposto a valutare concretamente l’ipotesi costiera.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!