SOS Massa: l’Eccellenza è a serio rischio

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Raffaele De Gregorio

Raffaele De Gregorio

Massa Lubrense rischia di perdere l’Eccellenza. Nonostante le rassicurazioni del patron Raffaele De Gregorio, che lo scorso trenta giugno dalle colonne del nostro portale aveva espresso moderata fiducia sul futuro della compagine nerazzurra nel massimo campionato dilettantistico regionale, ad oggi sembrano non esserci i margini affinchè, entro venerdì, il club di via Arenaccia espliciti la procedura on line per l’iscrizione ed ottemperi al pagamento dei 6.300 euro previsti, cui vanno aggiunti trentatre euro per ognuno dei calciatori tesserati al 30 giugno.

Il banco è saltato nella serata di ieri, quando il presidente De Gregorio si è incontrato con un gruppo di imprenditori locali per discutere del loro ingresso in società, possibilità che avrebbero garantito un immissione di liquidità tale da assicurare quella stabilità economica necessaria per garantire al Massa Lubrense la disputa di un campionato dignitoso.

Il tanto sospirato accordo tra le parti, però, non c’è stato, aprendo, di fatto, uno profondo stato di crisi. Senza il supporto di altri soci, infatti, De Gregorio non intende più svenarsi per mantenere l’Eccellenza a Massa Lubrense ma, pur di non far scomparire definitivamente il calcio dalla città dell’olio, sarebbe disposto ad iscrivere la compagine nerazzurra in Prima Categoria, affidando la guida tecnica ad uno dei giocatori che hanno contribuito nell’ultima stagione a salvare il Massa nella lotteria dei play – out.

Proprio riguardo alla scelta dell’allenatore, a parziale correzione di quanto scritto nella mattinata di ieri, Federico Cuomo ha precisato alla nostra redazione che l’incontro con il presidente De Gregorio è stato un semplice pour parler, un colloquio informale a cui non ha fatto seguito alcuna decisione ufficiale, né da una parte, né dall’altra.

Il calcio a Massa Lubrense nelle categorie regionali che conta sembra, quindi, appeso ad un filo. Nei prossimi giorni, comunque, seguiranno altri incontri per valutare la fattibilità di nuove ipotesi di salvataggio.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!