Città di Sorrento, si lavora alle riconferme

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Felice Napolitano

Felice Napolitano

Ammissioni, rinunce, ripescaggi, fondo di solidarietà, articolo 52, calcioscommesse. L’estate nelle categorie minori del calcio italiano è iniziata, come da prassi degli ultimi anni, con tante incognite e poche certezze. A partire dalla Lega Pro, ed a cascata su serie D e campionati inferiori, lo stato dell’arte è quanto mai avvolto in una fitta nebbia, formata da fideiussioni, ricorsi, carte bollate e sentenze della procura federale.

Un’impasse che mantiene nel limbo decine di società, in attesa dei pronunciamenti degli organi di controllo e di quelli federali, chiamati a dirimere la controversia sull’effettiva composizione dei vari campionati. Tra queste, anche il Città di Sorrento attende notizie da Roma: la società di patron Franco Giglio, dopo aver incassato l’ok dalla Co.Vi.So.D alla richiesta di ripescaggio in serie D, aspetta con ansia la pubblicazione della graduatoria delle ripescabili nel campionato dilettantistico nazionale e, soprattutto, di conoscere l’entità effettiva del numero di posti vacanti nell’organico complessivo della serie D.

In conseguenza di ciò, la società rossonera ha momentaneamente raffreddato le trattative più calde con alcuni big per la categoria, dedicandosi alla valutazione delle riconferme da effettuare. Rispetto alla scorsa stagione, culminata con la sconfitta del Sant’Agnello nel primo turno dei play – off nazionali nel doppio confronto con il Città di Scordia, solo alcuni dei protagonisti vedranno la propria maglia cambiare colore dal biancoazzurro santanellese al rossonero del Città di Sorrento.

Mattia Piacente

Mattia Piacente

Tra questi, il portiere Felice Napolitano si candida prepotentemente a difendere i pali della nuova realtà costiera. Classe 1995, quindi utilizzabile in serie D ancora come under, l’estremo difensore di Saviano ha stregato addetti ai lavori e non per la sua sicurezza e reattività, confermandosi quale uno dei prospetti regionali del ruolo più interessante. In difesa, invece, dovrebbero essere due i profili riconfermati: per il ruolo di stopper, Giuseppe Di Donna, alla terza stagione consecutiva con la maglia del Sant’Agnello sembra essersi guadagnato la chanche di dimostrare il suo valore anche in categorie superiori. Sulla corsia mancina, invece, si rivedranno ancora le sgroppate ed i cross telecomandati di Mattia Piacente, non convocato da mister Salvatore Ciullo per il ritiro della Juve Stabia. In virtù degli ottimi rapporti tra Giglio e la società gialloblu, il classe 1996 potrebbe essere nuovamente girato in costiera per facilitarne la maturazione.

A centrocampo, aspetta solamente la chiamata fatidica Rosario De Rosa. Lo “squalo”, arrivato a dicembre alla corte di Mario Turi, è conteso da molti club, tra cui il Città di Nocera, ma il suo futuro sarà quasi sicuramente con il rossonero della città del Tasso. Stesso discorso per Sasà Sibilli: professionista tra i più esemplari dell’intero movimento calcistico campano, il classe 1976 napoletano ha ancora gamba e fiato per fare la differenza anche in serie D, dopo aver trascinato il Sant’Agnello ad un passo dalla promozione. Sempre per la mediana, salgono ora dopo ora le quotazioni di Vittorio Inserra: il roccioso interno carottese, partito da outsider, si è ritagliato nella scorsa annata un ruolo sempre più da protagonista, convincendo Turi e Giglio con la sua grinta e tenacia.

Giuseppe Sibilli

Giuseppe Sibilli

In attacco, in attesa dei big, si punta sulla linea verde. Si è guadagnato sul campo la riconferma Giuseppe Sibilli, classe 1996 sul quale si sono posati gli occhi di parecchie società di serie D e Lega Pro. A lui sarà affidata una delle due corsie laterali nel 4-3-3 che tanto piace a Mario Turi. Insieme a Sibilli jr, farà parte del gruppo anche il coloured Maxwell Mensah, già nell’orbita santanellese dalla scorsa stagione senza che però abbia mai esordito in gare ufficiali a causa di problemi di natura burocratica. Su di lui il patron Franco Giglio punta forte, tanto da definirlo uno dei giovani dal talento più cristallino che abbia mai incontrato nella sua lunga carriera da dirigente.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!