Top Sports Awards 2015, il migliore lo scegli tu: gli allenatori

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Continuano i sondaggi targati SportInPenisola per l’assegnazione dei premi ai migliori sportivi della penisola sorrentina dell’ultima stagione agonistica. Come ogni anno, sarete voi a scegliere i protagonisti del “Top Sports Awards” attraverso la votazione (clicca qui per accedere alla pagina dedicata) degli atleti nominati dalla nostra redazione.

La novità dell’edizione 2015 riguarda il calcio, con l’introduzione del premio alla top 11 dei calciatori che hanno militato quest’anno nelle compagini peninsulari.

Per agevolarvi nell’ardua scelta del migliore, presenteremo, quotidianamente, un breve profilo dei candidati.

La nostra carrellata di nomination si chiude con gli allenatori:

Roberto Carlos Sosa: In una situazione societaria molto problematica che rendeva impossibile o quasi fare calcio, “El Pampa” è riuscito fare tutto quanto nelle proprie possibilità. Soltanto sotto la sua guida si è visto un Sorrento caratterizzato da bel gioco ed ha il merito di aver creato un gruppo unito e coeso. Dopo il fuggi fuggi dicembrino non è più giudicabile.

Roberto Chiancone: Espressione di anticalcio. Nella sua parentesi a Sorrento, due illusorie vittorie ottenute contro Leonfortese e Montalto con un catenaccio d’altri tempi. Per il resto, due pari e ben sei sconfitte. L’esonero, dopo la disfatta interna nello scontro diretto contro il Noto.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Renato Cioffi: Solo due gare sulla panchina del Sorrento. Un pari a Roccella ed una sconfitta allo stadio “Italia” contro la Neapolis. Rassegna subito le proprie dimissioni, dopo aver annusato bene l’aria che tirava.

Claudio Pirone: Non stava facendo neanche troppo male. Era riuscito a dar la scossa ad un Sorrento ormai rassegnat al peggio. Poi, il suo sigillo sulla retrocessione con il folle cambio D’Ambrosio/Caldore grazie al quale un’inerme Battipagliese ha festeggiato la Serie D senza neanche capire il perché di tanta insensata generosità.

Mario Turi: Tecnico tanto ambizioso quanto capace, succede a Nardo sulla panchina del Sant’Agnello, portandolo in vetta dopo una lunga rincorsa al Gragnano. Nel finale di stagione, però, le trasferte dicono male ed il sogno della promozione diretta sfuma, così come quello dei play – off nel doppio confronto con il Città di Scordia.

Francesco Nardo: Il Sant’Agnello inizia con lui in panchina poi, dopo il definitivo riassetto societario, viene declassato ad allenare la Juniores. Le sue soddisfazioni se le prende comunque, portando proprio i giovani santanellesi alla storica vittoria del campionato regionale.

Antonio Guarracino: Il Ferguson della costiera ha fatto rinascere la piazza di Positano. La promozione con la prima squadra in Eccellenza resterà nella storia, così come la vittoria del girone della Juniores, finita davanti alla corazzata Sant’Agnello. Ma la più grande vittoria è stata quella di aver riacceso la passione della gente di Positano ed aver fatto rinascere scuola calcio e settore giovanile.

Giovanni Macera: Con il suo castello ha sbalordito tutti, plasmando una squadra che, a detta di quasi tutti gli addetti ai lavori, ha giocato il calcio migliore di tutta l’Eccellenza. Oltre all’estetica, anche i risultati sono stati dalla sua, con la finale play – off sfuggita solo per il peggior piazzamento rispetto alla Scafatese.

Luigi Gargiulo: Lui il suo obiettivo comunque l’ha raggiunto. La salvezza del Massa ad inizio stagione sembrava un’utopia, ma se nella città dell’Olio si rigiocherà l’Eccellenza buona parte del merito è stata proprio la sua.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!