Real Vico, scoppia la grana svincoli

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

realvicoIn casa Real Vico è scoppiata la grana svincoli. Come se non bastassero le difficoltà economiche che la società vicana sta affrontando per garantirsi la partecipazione al prossimo campionato di Eccellenza, un altro mistero conferma come, attualmente, nel quartier generale azzurro stellato regni sovrano il caos.

Sul comunicato ufficiale numero 4, pubblicato mercoledì 8 luglio sul sito del comitato regionale campano, nella lista dei calciatori svincolati per accordo secondo l’articolo 108 delle NOIF, risultano ben venti nominativi del F.C. Real Sm Hyria A.S.D., ovvero la denominazione ufficiale del Real Vico. Tra questi, oltre alla maggioranza di calciatori appartenenti alla formazione Juniores, alcuni dei protagonisti della scorsa stagione, come Pellegrino Albanese, Vincenzo Altieri, Nicholas Banco e Francesco Guidelli. La pubblicazione dell’organo federale ha allertato il direttore vicano Aniello Guidone che, prontamente, attraverso la pagina ufficiale di Facebook della società, ha reso noto di non aver mai firmato gli svincoli, imputando l’azione ad un soggetto esterno al sodalizio ed annunciando una denuncia alla procura federale dell’accaduto.

A riguardo, è stato diramato questa mattina un ulteriore comunicato, che chiarisce la versione della società, senza però far luce su chi ed in che modo abbia effettivamente usurpato illegalmente il ruolo di Aniello Guidone:

“La società Real Vico Equense, nella persona del direttore Aniello Guidone, comunica di aver svincolato i seguenti atleti:

ARPINO ANTONIO 17/11/1995
BARBATO CATELLO 24/06/1998
BARRETTA STEFANO 15/03/1996
CARDENIA ANTONIO 16/08/1995
CARFORA GIOVANNI 18/03/1992
CARMINETTI GIUSEPPE 04/06/1996
CIPOLLETTA CIRO 31/10/1996
CIRCIELLO LUCA 02/07/1991
CIRILLO MATTEO 12/01/1996
COVITO ALESSIO 21/01/1999
CUOMO ALBERTO 01/04/1979
DE FALCO ANTONIO 12/06/1995
DE LUCA ANTONIO 08/03/1999
DE SIMONE ANTONINO 03/01/1995
ESPOSITO LUCA 03/02/1992
ESPOSITO PAOLO 29/04/1997
GARGIULO VINCENZO 09/06/1997
IOVINE ANTONIO 07/12/1997
IOVINO VINCENZO 24/12/1996
MARCIANO FRANCESCO 05/09/1998
MASCOLO CARMINE 29/07/1998
MATALUNA ALBERTO 23/09/1993
PASTENA ANTONIO 28/08/1994
RUOCCO GIUSEPPE 11/10/1999
SAVARESE FRANCESCO 19/09/1996
SCARICA FABIO 25/10/1996
SOMMA MARIO 21/05/1994
STAIANO DAVIDE 09/03/1994

Come precedentemente comunicato, alcuni calciatori hanno ottenuto le firme sui 108 da individui esterni alla società. La società Real Vico Equense ribadisce che prenderà i dovuti provvedimenti in merito a questa situazione. La nostra è da sempre una società seria che lavora con serietà, professionalità e con passione verso questo sport e soprattutto verso i giovani che sono il futuro del calcio e denunciamo chi fa la tratta dei calciatori.

Si comunica inoltre ai giocatori sopraelencati che, qualora abbiano intenzione di abbracciare nuovamente il progetto del Real Vico per la stagione 2015/2016, la società è disponibile ad un incontro per discutere dei programmi tecnici”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!