Top Sports Awards 2015, il migliore lo scegli tu: i difensori

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

difensoriContinuano i sondaggi targati SportInPenisola per l’assegnazione dei premi ai migliori sportivi della penisola sorrentina dell’ultima stagione agonistica. Come ogni anno, sarete voi a scegliere i protagonisti del “Top Sports Awards” attraverso la votazione (clicca qui per accedere alla pagina dedicata) degli atleti nominati dalla nostra redazione.

La novità dell’edizione 2015 riguarda il calcio, con l’introduzione del premio alla top 11 dei calciatori che hanno militato quest’anno nelle compagini peninsulari.

Per agevolarvi nell’ardua scelta del migliore, presenteremo, quotidianamente, un breve profilo dei candidati.

Dopo i portieri, continuiamo il nostro excursus con i difensori:

LUCA SINISCALCHI: Ventidue presenze ed un gol per lui, che ormai del Massa ne è diventato uno dei perni insostituibili. Terzino destro di grande affidabilità, nei momenti di bisogno ha saputo destreggiarsi anche da difensore centrale.

MARCELLO FERRARA: Gli infortuni ne hanno condizionato il rendimento, ma nelle dodici apparizioni stagionali, fascia di capitano al braccio, ha dimostrato di poter fare ancora ampiamente la differenza. Il gol su punizione da distanza siderale contro il Gragnano, che condannò i pastai alla prima sconfitta stagionale, è la perla della sua annata.

RAFFAELE D’ESPOSITO: Prima parte di stagione ai margini del Sant’Agnello, è a via Arenaccia che si consacra, prendendosi il posto al centro della difesa nerazzurra e non lasciandolo più.

ROBERTO RAIMONDO: Acquistato dal Sorrento al mercato invernale, ha risolto subito tutti i problemi che avevano attanagliato i rossoneri per tutta la prima parte della stagione. Grande qualità, facilità nel saltare l’uomo e cross sfornati in quantità industriali. Per l’ex Juventus si prospetta un futuro tra i Pro.

FABIO FERRARA: Il calciatore casertano ha garantito cuore e personalità, ergendosi a vero e proprio leader della difesa. Spesso vicino al gol staccando sui calci piazzati, è stato tra gli ultimi a mollare, non tirandosi mai indietro e giocando le ultime gare su una caviglia dolorante.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

VINCENZO DI SOMMA: Si tratta dell’ennesima scoperta del vivaio rossonero. Sempre difficile per un “under” ritagliarsi un ruolo importante al centro della difesa. Di Somma riesce a farsi strada nel momento clou della stagione, contro Tiger Brolo e Battipagliese, mostrando senso della posizione e dell’anticipo. Un ’97 con ampi margini di miglioramento.

FRANCESCO SCIPPA: Arrivato nella finestra di mercato di dicembre, il suo innesto ha innalzato il tasso tecnico della retroguardia giallorossa. Il suo contributo alla cavalcata del Positano verso l’Eccellenza ha un peso specifico notevole.

VALERIO ESPOSITO: Classe 1993 ex Casalnuovo, Esposito, nelle interviste post promozione, è stato definito da mister Guarracino come il migliore in assoluto della stagione. Ad impreziosire la sua stagione, il dato relativo alle ammonizioni: un solo giallo in trenta apparizioni è una rarità per un difensore.

MARCO D’ALESIO: La sua stagione è tutta nell’intervento con cui, col risultato sul 2-2 ed il Positano in dieci, ha salvato capra e cavoli sul tiro a botta sicura di Pecora, che avrebbe potuto regalare la promozione al Calpazio anziché ai giallorossi. Una scivolata che è valsa un campionato intero, disputato al top.

EMILIO CRISCUOLO: Capitano e leader indiscusso del Real Vico, Criscuolo è stato da esempio e da traino per tutti i giovani talenti vicani che hanno portato la società del direttore sportivo Guidone ad un passo dalla finale play – off. 31 gettoni per lui spesi al massimo delle potenzialità, quasi avesse da dimostrare ancora qualcosa nonostante l’importante curriculum alle spalle.

ANTONIO ARPINO: Vicano doc, è stato tra gli assoluti protagonisti della prima parte della stagione, chiusa anticipatamente con lo score di sedici presenze e di un gol a causa della rottura della tibia e del perone che gli hanno impedito di dare il suo fondamentale apporto alla squadra nella fase calda del campionato.

PELLEGRINO ALBANESE: Difensore roccioso ma con grandi doti soprattutto in fase d’anticipo, in compagni di Criscuolo ha formato una cerniera che ai più è parsa impenetrabile. Pericoloso anche in zona offensiva, ha collezionato ventisette presenze condite da due reti, realizzate entrambe contro la Vis Ariano nel 2-5 in terra irpina.

GIUSEPPE DI DONNA: Sembrava dovesse rimanere ai margini del nuovo progetto santanellese, invece il gigante Di Donna ha lasciato di nuovo il segno, risultando, con le sue ventisette presenze, quale uno degli stakanovisti biancoazzurri. Rispetto alle scorse stagioni, gli è mancato solamente il gol, ma la sua affidabilità, soprattutto nei contrasti aerei, è rimasta immutata.

MATTIA PIACENTE: Arrivato sotto traccia nel mercato invernale, il diciottenne Piacente si è dimostrato pedina fondamentale nello scacchiere difensivo di Mario Turi. Terzino sinistro di grande spinta e dal cross vellutato, ha sorpreso gli addetti ai lavori per la calma e la tranquillità con cui si è calato nella prima esperienza tra i grandi, essendo arrivato dalla formazione Giovanissimi della Juve Stabia.

FRANCESCO DE STEFANO: Diviso tra lavoro e campo, l’ex Sorrento ha garantito comunque standard elevati ogni qualvolta è stato chiamato in causa. Sul suo lato, il destro, ha dimostrato, nonostante l’età avanzi, di poter essere ancora devastante con le sua folate offensive.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!