Cuomo – Giglio, un “SI” per la D

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Il tempo stringe per Franco Giglio che vuole far ripartire il Sorrento

Il tempo stringe per Franco Giglio che vuole far ripartire il Sorrento

La volontà di fare calcio a Sorrento rischia di restare tale.
L’amore mai finito tra Franco Giglio ed il club di via Califano potrebbe non avere una seconda opportunità. L’imprenditore alberghiero si trova a dover sfondare una porta durissima, quella del Comune.
Dopo il summit con l’Accademia Calcio Sorrento e la soluzione all’utilizzo dell’Italia, il main sponsor del Sant’Agnello aveva in agenda un incontro in Comune.
In mattinata il vertice salta. I telefoni squillano a vuoto ed il relativo nulla osta per il ripescaggio va in stallo. Stallo che tiene tifosi con il fiato sospeso.
La piazza è con Giglio da almeno un anno, ma ad oggi di poter avere una prima squadra capace di far rinascere entusiasmo sembra off limits. Il Sant’Agnello per ambire al ripescaggio con maggiore punteggio dovrebbe giocare la carta dell’Italia, ma senza il placet dell’ente di piazza Sant’Antonino tutto potrebbe sfumare.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!