Basket, Polisportiva: Ufficiale l’ammissione al prossimo campionato di Promozione

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

polisportiva logoNeanche il tempo di stappare lo spumante e festeggiare la promozione conquistata, che la Polisportiva Sorrento deve rimettersi a lavoro per arrivare preparata al prossimo campionato di Promozione. Infatti, nella giornata di ieri, la FIP ha diramato la lista delle squadre aventi diritto a partecipare al prossimo campionato di Promozione (salvo idoneità campi di gioco, clausola che sembra, vedendola in maniera paranoica, rivolta proprio alla Polisportiva). Tra le società, figura proprio la formazione sorrentina che, dopo un solo anno di prima divisione, affrontato con grande spirito di squadra e come un gruppo davvero unito, è riuscita a conquistare la categoria superiore. Adesso, però, si pongono tanti nuovi interrogativi che vanno affrontati per riuscire a formulare una programmazione che possa far affrontare il prossimo campionato nell’assoluta tranquillità sia dal punto di vista del campo che da quello societario. Innanzitutto, il problema principale, ancora una volta, è quello economico, dove le spese per affrontare la Promozione che vede voci come 2000€ di contributo gare, 100€ iscrizione campionato, 18€ di tesseramento per ogni atleta, circa 30€ euro per l’ ufficiale al tavolo per ogni gara in casa, spese di allenatore e trasferte, sono molto sostanziose e daranno non pochi grattacapi. Questi ultimi saranno la chiave di volta che determinerà un po tutta l’organizzazione e le mosse socetarie.Com’era prevedibile quello economico, rappresenta uno scoglio non indifferente da dover superare e che ha dimensioni ben diverse da quello che poteva avere per la prima divisione. C’è la necessità, in prima battuta, di trovare degli sponsor che possano finanziare la società, ma di questi tempi, non è semplice, e comunque si dovrebbe fare i conti con le necessità di sponsorizzazioni di altre società anche di altri sport, che forse hanno maggiore appeal per eventuali partner economici. Secondo punto (e qui ci ricolleghiamo alla clausola del comunicato) è quello del campo di gioco, o meglio, dell’omologazione del campo. Il palazzetto di via Atigliana, fortino interno quest’anno, fa letteralmente acqua da tutte le parti, soppalchi che andavano rivisti e controllati perdite e altri “problemi tecnici” (chiamiamoli così) potrebbero rappresentare un problema non indifferente. L’alternativa sarebbe la tendostruttura della Tasso, ma anche lì, ahimè, di “problemini tecnici” ce ne sono molti. Il problema non sarebbe in primis della società, ma soprattutto di una giunta comunale che per lo sport spende più o meno zero a meno di importanti interessi propri; quindi, ancora una volta, la ‘via crucis’ dell’omologazione del campo è riversato sulle spalle della società. Tralasciando i problemi extra campo, bisogna capire come si presenterà la squadra ai nastri di partenza della prossima stagione: il roster dovrebbe essere praticamente quello della promozione, con qualche aggiunta dei ragazzi dell’U19 della Fortitudo che andrebbero a dare un ricambio importante ed allungare le rotazioni, con qualità, fondamentali per un campionato decisamente più complicato della prima divisione. Secondo elemento, è il coach: coach Savarese, probabilmente non continuerà; le ipotesi, dunque, sono tre, o un’autogestione, cosa che negli ultimi anni anche in società al di fuori della penisola è sembrata molto utilizzata; secondo, un’esperienza da allenatore-giocatore per Erico Cascella che tanto bene ha fatto con gli U14 e un paio di anni fa anche nell’ultimo spezzone di stagione della Fortitudo in Promozione portandola alla salvezza. Terzo, la possibilità di introdurre un coach esterno con esperienza nel settore e nel campionato. Questi, sono gli interrogativi che hanno preso forma adesso ma che andranno risolti da qui al primo settembre data presunta dell’inizio della stagione con la preparazione atletica.

FRANCESCO VAZZA

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!