Volley – Apd Carotenuto S.Agnello: il bilancio di Coach Russo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

apdS.Agnello – Play Off sfiorati e Finali Nazionali Under 19. Due obiettivi centrati dall’Apd Carotenuto nella stagione appena trascorsa.  Il frutto di un lungo cammino costruito in palestra, allenamento dopo allenamento. Un cammino che parte da lontano, come ci racconta Coach Francesco Russo: “Con la finale Under 19 di Abano Terme si è concluso un ciclo importante per questi ragazzi. Inizialmente le aspettative di quest’anno erano raggiungere una salvezza tranquilla con la serie C e puntare alle finali nazionali con il gruppo Under 19.”.
apdLa prima squadra santanellese aveva conquistato la promozione in C nella precedente stagione. Una squadra giovane, cui si aggiungono alcuni giocatori di maggiore esperienza. “Il cammino della serie C è stato in salita dall’inizio dell’anno. Molti ragazzi dovevano abituarsi al nuovo livello di gioco, che era completamente diverso da quello affrontato l’anno precedente. Al gruppo della serie D, sono stati aggiunti altri tre elementi, di cui due Under 19 e l’altro ero io stesso.”. Francesco ha svolto infatti il ruolo di allenatore-giocatore. “Di giornata in giornata, mi rendevo conto del progresso dei ragazzi e della squadra, che tra l’andata e il ritorno ha dato filo da torcere a compagini molto più esperte e forti sulla carta. Mi aspettavo qualcosa in più dagli elementi più esperti nei momenti decisivi. Ma alla fine, anche se rimane un po’ di amaro in bocca per il 4° posto, posso essere soltanto fiero di questi ragazzi che si sono sacrificati tutto l’anno. Posso dire che a fine anno lascio una squadra pronta ad affrontare un campionato di serie C da vertice.”.

Campioni Regionali Under 19 2014/15

Campioni Regionali Under 19 2014/15

La prossima stagione riserverà sicuramente nuove sorprese per il campionato di categoria. L’altro obiettivo raggiunto quest’anno, riguarda invece i campionati giovanili. “Riguardo l’Under 19 – continua Russo – dopo un cammino quasi immacolato in Provincia e Regione, siamo approdati alle finali nazionali con l’obiettivo di ben figurare. Il girone che inizialmente assegnatoci è stato modificato a causa della mancanza della squadra di Bolzano. Abbiamo così ripescato la temibile Padova, che con Castellana Grotte e Macerata ha formato per noi un girone proibitivo.”. Squadre di calibro nazionale, i cui ragazzi contano già presenze in A1 e A2 e partecipano a campionati di Serie B. “Alla fine siamo riusciti a passare come migliore quarta e abbiamo affrontato Trento, campione in carica e nuovamente vincitrice. Molti di quei ragazzi li vedremo tra non molto su palcoscenici nazionali e internazionali.”.

Apd Carotenuto & Lube Macerata

Apd Carotenuto & Lube Macerata

Il bilancio finale dell’allenatore biancoblu, seppur non esente da qualche imperfezione, è sicuramente positivo. “Il ricordo più bello delle Finali Nazionali è legato alla partita contro Macerata, in particolare al secondo set dove abbiamo giocato al loro stesso livello. Alla fine sono entusiasta dei risultati raggiunti quest’anno, e auguro ai miei ragazzi un prosieguo pieno di successi e soprattutto di divertimento.”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!