Basket, Fortitudo: si lavora già per la prossima stagione

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

LogoFortitudoSi è appena conclusa una stagione ricca di soddisfazioni e di risultati sportivi di grande rilievo per la Fortitudo Basket Sorrento che vede premiato l’impegno e la grande dedizione che tutti i dirigenti e lo staff della società costiera mettono all’interno di un movimento come quello cestistico che a Sorrento sta pian piano crescendo. Il quarto posto regionale dell’U19, il titolo di campioni regionali Silver dell’U17, il gioco e l’approdo fra le migliori dodici della regione dell’U14 sono successi che danno notevoli spunti di riflessione e rappresentano delle basi solidissime per costruire la prossima stagione. Proprio il futuro però, sembra essere ancora nebuloso e pieno di interrogativi che ancora non hanno trovato risposta a partire da quella che sarà la guida tecnica, il coach, delle formazioni giovanili U19 e 17 della Fortitudo. Può sembrare strano ma si, coach Golini nonostante i risultati avuti sul campo non ha convinto fino in fondo la società con la quale ha avuto anche qualche disappunto durante la stagione. Uno dei motivi principali, è il modo in cui il coach casertano ha utilizzato i roster a sua disposizione dove, soprattutto in u19, sembra gli sia stato imputato l’incapacità di utilizzare non più di quei sei/sette giocatori che riteneva fondamentali per il suo progetto, usando con il contagocce la panchina che comunque presentava delle valide alternative quasi avesse i paraocchi nelle sue scelte senza dare effettivamente a tutti, almeno una chance per poter dimostrare il proprio valore, insieme ad un rapporto non proprio idilliaco instaurato con gli stessi giocatori che spesso e volentieri hanno fatto gruppo per contestarlo. Perciò, con lo scoccare del 30 Maggio, deadline di scadenza del contratto che legava Golini alla società costiera, il sodalizio sembra essersi interrotto con il coach che si trova ad un passo dal trovare un accordo con una squadra giovanile del casertano e la Fortitudo che, vogliosa di ripartire con un progetto che coinvolga anche i giovani allenatori che stanno crescendo al suo interno, si sta guardando intorno e sembra abbia sondato un coach della vicina città di Castellammare di Stabia anche per ragioni di carattere economico. Un altro punto fondamentale che è da sempre un punto dolente del basket, ma anche dello sport in penisola, è quello delle infrastrutture che sono spesso inadeguate per sostenere campionati di un certo livello e che faticano spesso e volentieri ad ottenere l’omologazione per le gare ufficiali. Fino ad ora solo la grande passione e le capacità di fare i salti mortali della società sorrentina hanno permesso di tenere l’ormai più che vetusta tendostruttura della Tasso in regola per le stagioni, ma sembra che si sia superato ogni limite e che sia il caso che il comune incominci a mettere mano a qualche progetto che possa far crescere lo sport nella città delle sirene. Le note positive invece, arrivano, ad esempio, dalla collaborazione che la Fortitudo sta mettendo a punto con la rivale storica della Polisportiva Sorrento iniziate già con il torneo tenutosi in questi giorni a Piano di Sorrento e che ha visto esordienti e scoiattoli delle due società unirsi in una sola squadra per partecipare al mini-torneo organizzato per l’evento ormai consueto e conosciuto con il nome “vola Ricky vola”. Per l’anno venturo, invece, sembra ci sarà la prima grande fusione con gli u14 della Fortitudo che andranno ad unirsi ai ragazzi dell’U15 della Polisportiva nella volontà di creare un sodalizio che possa portare un’immagine nuova delle società nel mondo del basket che si trova al di fuori della penisola sorrentina. Sembra, dunque, che il futuro si stia iniziando lentamente a delineare, non si può fare altro che aspettare il momento in cui i vari disegni si trasformino in progetti veri e propri e poi in grandi opere come quelle create quest’anno, sperando che ancora una volta non sia solo la grande passione della società della presidentessa Stinga a fare tutto il lavoro, ma arrivi in suo soccorso quelle che vengono chiamate istituzioni comunali che da troppo tempo fanno finta di non vedere.

FRANCESCO VAZZA

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!