Due ex Sorrento nello staff di Sarri a Napoli

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Mister Francesco Calzona, seguirà Maurizio Sarri anche al Napoli

Mister Francesco Calzona, seguirà Maurizio Sarri anche al Napoli

Giovedì sera è cominciata ufficialmente l’avventura di Maurizio Sarri a Napoli. Con un tweet apparso sulla pagina ufficiale della società partenopea, l’ex allenatore del Sorrento nella prima parte della stagione 2011/2012 è stato formalmente investito del ruolo di responsabile della panchina azzurra, lasciata vacante dallo spagnolo Benitez.

L’allenatore, napoletano di nascita ma toscano di adozione, nella sua avventura alla guida della compagine napoletana sarà accompagnato da due fedelissimi, che condivisero con lui la breve e sfortunata parentesi rossonera. Il suo vice, infatti, sarà Francesco Calzona, già al suo fianco nelle sedici partite del campionato di Prima Divisione trascorse da allenatore del Sorrento. Nell’esperienza a via Califano, Calzona curava soprattutto la match analysis: il fedele collaboratore di Sarri, infatti, era l’addetto allo studio, attraverso i video, sia della squadra avversaria che, in gare ufficiali e di allenamento, di Ginestra e company.

Tra le performance analizzate da Calzona, conosciuto da Sarri nel 1999, ai tempi di Tegoleto, quando si divideva tra il lavoro di venditore ambulante di caffè ed i campi dell’Eccellenza toscana, c’era anche quella di Simone Bonomi, portato in costiera proprio dallo stesso Sarri dopo averlo avuto alle sue dipendenze già ad Alessandria. Il terzino sinistro ex Napoli e Verona ha chiuso la carriera da calciatore con la casacca rossonera, vestita cinquantacinque volte nel biennio 2011-2013. Al termine della stagione, infatti, venne deferito dalla procura federale per un illecito commesso quando giocava nel Bari e, successivamente, condannato in primo grado dalla commissione disciplinare nazionale della FIGC a tre anni e sei mesi di squalifica, pena confermata poi anche in appello. Dalla scorsa estate, Bonomi è entrato a far parte dello staff di Sarri all’Empoli, dove gli è stata affidata la cura della tattica. Ruolo che ricoprirà anche al Napoli, squadra di cui peraltro ha già difeso i colori da calciatore nella stagione 2004 – 2005.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!