“Un sorriso per la vita”: ieri a Piano di Sorrento in memoria del piccolo Riccardo Coppola

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

un sorriso per la vitaUn sorriso per la vita”: si chiama così la manifestazione organizzata nella giornata di ieri a Piano di Sorrento, patrocinata dal Comune e organizzata in collaborazione con associazioni sportive e aggregative della zona per testimoniare l’importanza dello sport per le nuove generazioni. Alle 18.00 è stato dato il via presso piazza delle Rose. La stessa si è trasformata in un grande campo open-sport con esibizioni che hanno coinvolto non solo i bambini e i ragazzi che praticano abitualmente basket, ginnastica artistica, pallavolo, karate e altre discipline, ma anche tutti i presenti, piccoli e non, in attività sportive e ludiche, purché in movimento, dalle più classiche come il salto della settimana con i gessetti, alle freccette, fino ad arrivare all’animazione e alla manipolazione di palloncini. «Una grande festa – spiega Marianna D’Esposito, promotrice dell’evento, mamma del piccolo Riccardo Coppola, scomparso l’11 giugno del 2013 – che testimoni l’importanza dello sport per la salute. Mio figlio, attraverso l’attività fisica e sportiva, e grazie a persone meravigliose che l’hanno affiancato nel suo percorso, non ha mai vissuto la malattia come un handicap. Anzi lo sport è sentirsi sempre parte di una squadra che l’ha aiutato tanto. Vorrei che tutti i genitori sapessero che è fondamentale che i propri figli pratichino sport e facciano attività fisica, anche giocando». Durante l’evento è stata effettuata una raccolta fondi che verrà devoluta all’associazione “Open”, Oncologia Pediatrica e Neuroblastoma onlus.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!