Il futuro del calcio a Sorrento in sole 24ore

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Il sindaco Cuomo vedrà Giglio

Il sindaco Cuomo vedrà Giglio

Non ci sarà la sceneggiatura di “Fuori in 60 secondi”, non ci sarà l’atavica lentezza della lumaca, ma solo un incontro cruciale.
Non servirà il navigatore satellitare per giungere a destinazione, ma un semplice monosillabo: si.
La rinascita del Sorrento passa tutta dalle prossime 24ore.
Un giorno fondamentale per capire quali saranno gli scenari futuri che avvolgono il cielo sull’Italia.
Riuscirà Franco Giglio ad imitare la mitologica Araba Fenice e risollevare dalle ceneri dell’Eccellenza il sodalizio costiero?
E’ questo l’interrogativo che si pongono i tifosi.
Il ricordo dei successi passati è ancora vivo nella mente dei supporter rossoneri, ma c’è da tagliare il nodo gordiano per eccellenza: il campo.
L’imprenditore alberghiero per tornare a fare calcio in costiera chiederà ai rappresentanti del Comune l’utilizzo esclusivo dell’Italia.
Non c’è la certezza che il progetto di rinascita del Sorrento vada a buon fine, ma tutto passa da quella che sarà la risposta dell’Amministrazione.
L’intenzione è chiara: avere l’Italia in gestione, accollarsi le utenze e l’ordinaria amministrazione e tentare la risalita verso il professionismo perso due stagioni fa.
E’ questa l’offerta che l’ex presidente predisporrà sul tavolo dell’incontro che ci sarà a breve con il sindaco, Giuseppe Cuomo, e il possibile assessore, Mario Gargiulo.
Il summit è fissato per la giornata odierna. Giglio svelerà le carte in suo possesso.

Franco Giglio deciderà cosa fare dopo il summit con l'amministrazione locale  di Sorrento

Franco Giglio deciderà cosa fare dopo il summit con l’amministrazione locale di Sorrento

Nessun bluff, sia chiaro, ma si passerà a convincere i rappresentanti della nuova “vecchia” amministrazione che il suo progetto per il rilancio sodalizio costiero è quello giusto.
Un progetto ambizioso che punta chiaramente alla D.
Una D che l’imprenditore ha perso sul campo con il Sant’Agnello 15 giorni fa, ma che è possibile attraverso l’acquisizione di un titolo.
L’opportunità di ripescaggio non è stata scartata, ma resa più difficile dalla presenza in soprannumero di alcune squadre nei gironi settentrionali. La posizione del Sant’Agnello è nella top-five,
ma manca la certezza di essere dentro nel momento topico.
Giglio vuole dare certezze ai tifosi e per il momento non parla, ma aspetta.
Lavora a fari spenti, manifesta un realismo che non è solito.
Vorrebbe tornare per spaccare il mondo, ma, senza quel monosillabo pronunciato da Cuomo e Gargiulo, tentenna.
Insomma, l’imprenditore aspetta che l’aperitvo con i vertici dell’ente locale di piazza Sant’Antonino si chiuda per tornare a parlare.
Troppo viva la cocente delusione di un anno fa quando, con il titolo della Puteolana in mano, il Sorrento di D’Angelo si iscrisse e il nuovo corso si fermò. Non si fermò ad Eboli come Cristo,
ma nella volontà di non creare una guerra intestina alla città.
Dopo aver rispedito al mittente le avanche per il titolo, il Gragnano aspetta che a Giglio venga detto sì.
Con in mano promessa e documenti partirà la corsa alla preparazione degli incartamenti per avere tutto in regola al prossimo 30 giugno e costruire la squadra che, a meno di clamorosi ribaltoni,
verrà affidata a Mario Turi.
Non ci sarà Giglio a fare tutto in prima persona, ma l’imprenditore ha individuato chi nel nuovo corso sarà i suoi occhi, la sua bocca a fianco della squadra che verrà.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!