Basket, U19M (final four Gold): Fortitudo, una finale anomala costringe alla sconfitta contro Meomartini

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

fortitudo u19L’U19 della Fortitudo Basket Sorrento chiude le proprie final four con un quarto posto conquistato dopo la finale persa contro il G.S Meomartini con il risultato di 45 a 66. Una partita che però, è nata in un clima surreale a causa di un problema logistico non indifferente che ha coinvolto la squadra costiera. Infatti, i ben noti problemi di circolazione della penisola sorrentina e dintorni, hanno paralizzato nel traffico la Fortitudo che ha raggiunto la sede della finale solo dopo molte ore dall’inizio effettivo della gara. Di conseguenza, la partita, incominciata già in ritardo di un’ora, tempo massimo di attesa per regolamento, è iniziata in una situazione davvero particolare: la Fortitudo presentava solo sei effettivi in campo. Questi ultimi hanno iniziato la gara in una situazione non proprio perfetta ma hanno tenuto testa ad un avversario messo meglio dal punto di vista psicologico, mantenendosi sempre in gara con un distacco tra i due ed i dieci punti. Dopo l’intervallo lungo, iniziano ad arrivare gli altri componenti della squadra costiera che, senza neanche un po di riscaldamento, dopo aver effettuato il riconoscimento, entrano subito in gioco ed, ovviamente, ci mettono un po per entrare in clima partita dopo un viaggio a dir poco problematico. Alla fine del match coach Golini è profondamente rammaricato per una finale giocata in un clima, a detta sua, davvero “falsato”, da un evento logistico esterno:“Innanzitutto ci tengo a ringraziare il commissario della federazione, gli arbitri e l’avversario che hanno atteso almeno che si arrivasse ai sei giocatori obbligatori per giocare. Dopodiché, che posso dire, sono molto amaregiato per una finale persa così, giocata per due quarti con la squadra praticamente mutilata in una situazione di gioco paradossale ed incredibile. Si è giocato perché si doveva, ma per me sarebbe stato meglio non iniziare la gara. Nonostante ciò, i ragazzi che hanno giocato per gran parte della partita sono stati fantastici, ed anche quando gli altri, senza riscaldamento, sono entrati in gioco hanno fatto il loro compito per quello che si poteva fare. Voglio chiudere esprimendo il mio rammarico per nove mesi di lavoro buttati in una finale falsata da un problema a cui noi non potevamo porre rimedio.”Anche dopo quanto successo bisogna solo fare un plauso ai ragazzi che hanno svolto un campionato, da un punto di vista dei risultati, ottenendo importanti traguardi.

(u19gold Finale 3-4posto)

Meomartini – Fortitudo Basket Sorrento 66-45.

Parziali: (16-15; 28-23; 48-37).

Fortitudo Basket Sorrento:

Maresca 9; Cugnin 6; Grimaldi 2; Lardaro 3; Ventura 6; Gargiulo 19.

 

FRANCESCO VAZZA

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!