Massa Lubrense a rischio l’Eccellenza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
In tanti girano intorno al presidente De Gregorio

In tanti girano intorno al presidente De Gregorio

Il lungo cammino del Massa Lubrense in Eccellenza potrebbe essere giunto al termine.
Non sono bastate 32 partite, 120minuti di spareggio con il Pontecagnano per definire il futuro dei nero azzurri.
A cancellare, come il mare cancella le impronte dalla sabbia, la categoria potrebbe giungere una norma federale. Una norma che prevede in caso di eccedenza di compagini
la retrocessione di diritto delle squadre che abbiano vinto il play-out sul campo.
Il Massa Lubrense rischia. Rischia perché nessuna andrà in D dagli spareggi, e due hanno perso i derbry fratricidi.
Un rischio anche calcolato, ma che potrebbe far saltare il banco delle costiere nel girone B di Eccellenza.
Il diritto a partecipare alla prima rassegna regionale calcistica è stato maturato da ben cinque squadre e tra queste figure il Massa.
Il presidente De Gregorio, però, potrebbe anche passare la mano.
Il futuro è tinto di grigio. Un grigio sfumato che a tratti si spruzza di sereno.
Gli indizi del sereno in questione portano verso l’interessamento di un vecchio dirigente.
Semplici abboccamenti, mentre anche nella vicina Sorrento si è fatto un pensierino al Massa.
Titolo ambito da tanti, ma sul quale nessuno ha fatto uno scatto deciso.
Il club rossonero, dopo la retrocessione, potrebbe morire. Per ripartire c’è l’opzione Eccellenza con una matricola diversa e non gravata da debiti. Questa è l’idea nata ad alcuni tifosi per far tornare a calcare
l’Italia ad un rossonero accesso.
De Gregorio è rimasto solo. Il Massa Lubrense rischia di salutare la Città dell’Olio in Eccellenza o in Promozione? Questo è uno dei dilemmi che attanaglia il massimo dirigente del sodalzio di via Arenaccia.
Il titolo nero azzurro è, in pratica, sul mercato. Rumors, però, potrebbero far blindare la presenza del nero azzurro costiero nella prossima Prima Categoria. Infatti, se non ci fossero avanche ufficiali,
l’opzione di cercare l’inclusione in Prima è la strada che potrebbe percorrere il solitario De Gregorio.
La solitudine non priverà il massimo dirigente costiero di ascoltare la voce suadente delle sirene che chiederanno lumi sul titolo.
Un titolo per tante con una piazza che rischia di restare senza calcio.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!