Basket, U19M (semifinale final four gironi Gold): Fortitudo, sconfitta contro la Virtus Pozzuoli

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

fortitudo u19L’U19 della Fortitudo Basket Sorrento perde la semifinale delle final four contro la Virtus Pozzuoli con il risultato di 63 a 72. Una partita bella, che vede la squadra costiera enrare in campo con un approccio davvero ottimo. Il primo quarto è un batti e ribatti dove entrambe le squadre schierate ad uomo, si fronteggiano alla pari con Gargiulo che “on fire”, tiene la Fortitudo agganciata al Pozzuoli, padrone di casa, che alla fine dei primi dieci minuti tenta un mini allungo chiudendo la frazione sul 25 a 19. Il secondo quarto è un po ostico dal punto di vista dei falli dove la Fortitudo è abbastanza limitata e deve più volte cambiare il suo assetto, mentre la Virtus, scaricata la tensione dell’esordio, aiutata da qualche fischio un po “casalingo” da parte degli arbitri, prova a dare il primo decisivo strappo alla partita portandosi sul +16. Ma la zona dei ragazzi di coach Golini, insieme all’aggressività di Maresca e la ritrovata vena offensiva di Montuori e Gargiulo, piazzano un parziale di undici a zero che tiene la Fortitudo in partita portandola sul 30 a 35; ma una tripla dei padroni di casa fa si che la formazione puteolana si porti sul più otto all’intervallo lungo. La seconda metà di gara si apre con un terzo quarto equilibrato e senza particolare enfasi, dove la squadra costiera si trova sempre a rincorrere con un handicap fra i sette ed i dodici punti che la vedranno chiudere la terza frazione di gara sul 58 a 46. Gli ultimi dieci minuti vedono protagonista la Fortitudo che con uno slancio di orgoglio, grazie alle azioni di Maresca, Grimaldi e Gargiulo, si porta fino al meno sette ma, qualche fischio non proprio corretto degli arbitri a favore della Virtus, che accordano anche un gioco da tre punti a Longobardi, uomo più pericolo della squadra napoletana, inseme ad una percentuale ai liberi davvero pessima della Fortitudo (al di sotto del 30%) e qualche svarione di troppo in difesa, spezzano le gambe alla squadra costiera che con la tripla di Grimaldi allo scadere riesce a rimanere sotto la doppia cifra di svantaggio. La partita si chiude sul 63 a 72 per la Virtus Pozzuoli. Nonostante tutto i ragazzi costieri hanno giocato bene ma l’esperienza di alcuni giocatori della Virtus come Longobardi e Caresta con esperienza anche in campionati di C nazionale hanno avuto il loro peso. Ora, la Fortitudo concluderà la sua final four nella giornata i oggi giocando la finale per il terzo e quarto posto contro la Meomartini Benevento.

U19 SEMIFINALE GOLD

Fortitudo Basket Sorrento-Virtus Pozzuoli 63-72.

Parziali: (19-25; 30-38; 46-58).

Fortitudo Basket Sorrento:

Montuori G. 11; Maresca 14; Cugnin 6; Grimaldi 9; Ventura 2; Gargiulo 19; Pollio; Cinque; De Martino Bianco; Lardaro; Montuori N.

FRANCESCO VAZZA

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!