Sant’Agnello, Turi: “La rimonta? Ci siamo andati vicino”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
L'analisi di Turi a mente fredda

L’analisi di Turi a mente fredda

“Non ci siamo riusciti”.
Mario Turi commenta così il fine corsa del Sant’Agnello in quel di Scordìa. 3-1 in favore della squadra di Serafino e costieri che escono dalla competizione.
La gara in salita era anche tornata su un binario pianeggiante, poi il 2-1 e la pendenza che torna ad essere monstre.
“Dopo il pareggio abbiamo il rammarico di aver commesso un errore in uscita che ci è costato carissimo”, spiega il tecnico, “Tenendo la parità i nostri avversari avrebbero perso di sicurezza”.
Una sicurezza che è anche traballata in un paio di circostanze nella prima frazione.
“Una traversa e un incrocio e ancora una chance non sono bastate” ammette amaramente Turi, “Purtroppo la rete del 2-1 l’hanno trovata loro e non noi, ma questo è il calcio”.
Sant’Agnello che si ferma, dunque, alla semifinale play-off. Fatale la sconfitta all’andata e la menomazione della rosa a disposizione del trainer costiero per pensare di riuscirci, anche se “Quello che abbiamo creato non lo abbiamo concretizzato” si affretta a chiarire il trainer bianco azzurro.
Un allenatore che non guarda al futuro.
“E’ ancora presto. Aspettiamo le decisioni della società”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!