Franco Giglio: “Fare ancora calcio? Vedremo. La D mancata? Peccato”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Tira le somme Franco Giglio dopo il ko di Scordìa

Tira le somme Franco Giglio dopo il ko di Scordìa

Se da una parte Franco Giglio si appresta a chiudere la stagione con una cena sociale al Parco del Sole, dall’altra è quasi pronto a rimettersi in gioco per il futuro.
Non si conoscono le tinte dell’anno che verrà, ma l’intenzione di fare le cose al meglio come manifestato in questo anno al fianco di Alberto Negri.
“Sono alla finestra” chiarisce l’imprenditore alberghiero, “Qualora ci fossero le condizioni per continuare a fare calcio in penisola andremo avanti”.
Non se lo lascia scappare, ma Giglio vuole capire anche gli scenari futuri che potrebbero aprirsi per il sodalizio santanellese.
“Siamo pronti e consegneremo tutto l’incartamento per tentare l’operazione ripescaggio” ammette il deus ex machina dei costieri, “La cosa positiva è che abbiamo fatto parlare ancora di più del Sant’Agnello e di Sant’Agnello nel mondo del calcio”.
Un club partito con il chiaro intento di vincere il campionato, ma fermatosi solo alla semifinale play-off nazionale.
“La pecca è non aver ottenuto la promozione in D, ma sono contento del risultato maturato sul campo”.
Seconda forza del campionato, vincitore dei play-off regionali del girone B di Eccellenza, il Sant’Agnello ha fatto evidenziare una cosa.
“I ragazzi senza campo, per i lavori, e senza pubblico hanno svolto un lavoro encomiabile. Alla squadra posso solo fare un plauso”.
Un plauso il patron non scende nel dettaglio a puntualizzare sui singoli. Tutti hanno fornito il proprio contributo e alla fine resta ” La crescita di un gruppo che ha evidenziato come ci siano ragazzi pronti a fare un campionato superiore e come altri vadano testati su campi caldi”.
In pillole il lavoro svolto si vede, ma “Partire da zero e arrivare dove siamo arrivati è già una piccola vittoria” conclude Giglio, “Il successo più grande è stata la vetrina per i nostri giovani”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!