Verso Scordia – Sant’Agnello| De Rosa:”Senza paure non abbiamo nulla da perdere”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
De Rosa traccia la strada per la conquista della Sicilia (foto Pollio)

De Rosa traccia la strada per la conquista della Sicilia (foto Pollio)

“Ad oggi ci dobbiamo credere almeno al 50%”.
Rosario De Rosa non si dà per vinto. Centrocampista di carattere dal gol mai banale guarda alla trasferta siciliana con quel pizzico di ottimismo che non mancare mai nello sport.
“Dopo l’esperienza vissuta con il Città di Cava quando vincemmo a dieci dalla fine, io ci credo sempre” tiene a puntualizzare l’ex Pomigliano.
Il Città di Scordìa è uscito vincitore dall’Italia per 2-1, ma con il pizzico di vantaggio di aver menomato la rosa avversaria. L’impressione è che ci la bilancia penda dalla parte dei rosso blu.
“Non sono imbattibili” spiega De Rosa, “Dovremo essere più motivati, perché ce lo impone il risultato”.
Sant’Agnello che è partito alla volta della Sicilia senza i due centrali D’Agostino e Micallo e senza il portiere Uliano tutti appiedati dal giudice sportivo.
“Questi potrebbero essere i nostri punti deboli” si affretta a chiarire il centrocampista, “La nostra forza sarà il non avere nulla da perdere dalla partita”.
Una forza che per il motorino della mediana potrebbe tutta essere condensata in alcuni elementi della rosa.
“Penso a Pignalosa, Di Leva e Inserra che avendo giocato poco potrebbero essere le nostre armi in più, perché hanno ancora voglia di dimostrare di essere titolari”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!