Sorrento Calcio: Chi porta i costieri in “Dirty Soccer”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Il dirigente del Sorrento Marino 8a sinistra) con l'allora consulente di mercato Paolo Somma (a destra). Gara Sorrento - N. Gioiese 2-3 Foto Penna

Il dirigente del Sorrento Marino (a sinistra, esente da qualunque tipo di responsabilità) con l’allora consulente di mercato Paolo Somma (a destra). Gara Sorrento – N. Gioiese 2-3 Foto Penna

Gli stralci delle intercettazioni che tirano in ballo il Sorrento.
Gara Sorrento – Montalto del 12 ottobre 2014 terminata 0-0.
“CICCARONE  Antonio  e  MOXEDANO Mario offrivano/promettevano a MOLINO Francesco e PALERMO Antonio denaro o altra utilità o vantaggio, affinché la squadra del Montalto uscisse sconfitta dall’incontro di calcio di SERIE “D” GIRONE I con la squadra del Sorrento, disputato in data 12.10.14, conclusosi poi in realtà col risultato di 0 a 0, a causa dell’intervento di un terzo soggetto che – di fatto – faceva realizzare un risultato diverso da quello alterato; nonché offrivano/promettevano, il CICCARONE e il MOXEDANO, raggiunto l’accordo con il MOLINO e il PALERMO, al SOMMA, la sconfitta del predetto Montalto contro il Sorrento, a patto che PAOLO SOMMA garantisse la sconfitta del Sorrento nel successivo incontro Neapolis – Sorrento (stessa serie e Girone), che si sarebbe disputato il 23.11.14″.
Gara Neapolis – Sorrento del 23 novembre 2014 terminata 3-0.
“Contatta Luciano che adesso viene Natale per tutti quanti…”. Comincia con una telefonata tra Antonio Ciccarone, ds della Neapolis Mugnano, e Salvatore Astarita, difensore dell’Akragas la  presunta combine di Neapolis Mugnano-Sorrento, giocata lo scorso 23 novembre e terminata 3-0 in favore dei partenopei. Protagonista è il bomber argentino dei costieri Luciano Ariel Pignatta, molto amico del centrale in forza ai ‘Giganti’ e la cui posizione è ancora al vaglio degli inquirenti.
Si arriva a Pignatta, perché Ciccarone non si fida più di Paolo Somma. Il consulente di mercato del Sorrento e definito nelle intercettazioni ‘un fanfarone’, perché non è riuscito a portare a termine con esito positivo la gara con il Montalto. Partita che saltò per  un certo ‘Buttiglione’.
L’incontro c’è la sera del 21 novembre. Dopo l’ok dallo stesso Astarita, Ciccarone contatta Pignatta e lo raggiunge in tarda serata in un bar di Meta di Sorrento. il summit è registrato dalle intercettazioni. “Sono con la mia macchina e il bomber che hai chiamato tu è dietro di me…”.
Pignatta, però, in ritardo di codizione, scopre di non essere nell’undici di partenza e   chiama Ciccarone, svelandogli come scenderà in campo la sua squadra. “Se non accade un miracolo al 99% parto dalla panchina. Comunque giochiamo con il 4-5-1…”. La formazione riferita da Pignatta, entrato poi ad inizio ripresa al posto di Pasini, corrisponderà al vero. Dopo la presunta combine, il centravanti argentino chiama altre quattro volte Ciccarone ed ottiene il  compenso pattuito, con il benestare di Mario Moxedano, il martedì successivo nei pressi dell’uscita dell’autostrada di Castellammare di Stabia.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!