Positano-Calpazio 3-2. La cronaca di una gara vibrante e dai mille colpi di scena

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

11222628_709496375842464_2488924335260532785_n (1)

A Positano, sin dalla prime ore del pomeriggio, si respirava aria di impresa. La squadra giallorossa aveva già realizzato qualcosa di straordinario, mettendo a segno una serie impressionante di 24 risultati utili consecutivi nella stagione regolare. Purtroppo ciò non è bastato a colmare il gap con il Miranda Castel San Giorgio, che si è aggiudicato il campionato con 2 punti di vantaggio pur essendo stato sconfitto nettamente dai costieri in entrambi gli scontri diretti.
Il 25° risultato utile è giunto contro la Juve Pro Poggiomarino. Un pareggio ad occhiali dopo 120 minuti che ha portato la squadra di Guarracino ad una gara dal primo campionato dilettantistico regionale che a Positano manca dal 2001.
Si trattava di un “happening” da non mancare a nessun costo. Lo sapeva lo zoccolo duro della tifoseria organizzata che ha messo in piedi, all’entrata delle squadre dagli spogliatoi, una coreografia da categoria superiore. Per poi  proseguire, sostenendo la squadra tra cori e tamburi fino al triplice fischio finale, dando poi sfogo ad una gioia incontenibile. Irrefrenabile. Unica.
I giallorossi partono fortissimo. Al 3’ cross dalla sinistra di Scippa, torre di Cifani per l’accorrente Porzio ma Bufano anticipa tutti. Al 13’ D’Alesio S. sfiora il vantaggio con una gran girata dall’interno dell’area di rigore su cui si oppone alla grande Bufano. Pochi minuti dopo gran combinazione Iannucci-Porzio-Cifani con il bomber che manca di poco l’appuntamento con il gol. Il vantaggio è però nell’aria e si concretizza al 25’. Il Positano si conquista un’invitante punizione al limite dell’area, da posizione un po’ defilata sulla destra. Ti aspetti la conclusione di un mancino, ed invece Porzio inventa una gran traiettoria che va ad insaccarsi sul secondo palo alla destra di un attonito Bufano. Il Calpazio accusa il colpo ed il Positano nel giro di una decina di minuti crea tantissime occasioni per chiudere in anticipo il match. D’Alesio S. da fuori area prima, e Volpe di testa poi mettono in seria difficoltà l’estremo difensore ospite. Quindi al 33’ Cifani, imbeccato alla perfezione da Gargiulo, fa tremare la traversa. La legge del calcio è pero sempre in agguato e va a mietere l’ennesima vittima in maniera crudele e spietata. Al 37’ sugli sviluppi di uno scontro di gioco a centrocampo che un arbitro discutibile ignora lasciando correre, il Positano allenta la tensione. Bengardino serve in verticale Campione che fredda Munao. Non è finita. Al 40’, senza aver fatto nulla di trascendentale, il Calpazio si ritrova in vantaggio. Punizione dalla destra, la retroguardia giallorosso si fa ingannare da una traiettoria resa ostica e imprevedibile dal forte vento, ne approfitta ancora Campione per mettere a segno l’1-2.
Il Positano non si lascia travolgere dagli eventi, e rientra in campo per la seconda frazione di gioco più cattiva, grintosa e determinata che mai. Come da indole del mister. Guarracino sostituisce Iannucci con Riso, che sarà croce e delizia per i costieri. Il classe ’96 è infatti l’autore del meritatissimo 2-2 al 56’. Cross dalla destra di un superbo Porzio, Bufano smanaccia su Cifani e Riso mette a segno il tap-in vincente. Lo stesso esterno costiero, però, poco dopo la fa grossa. Il portiere del Calpazio blocca a terra sugli sviluppi di un calcio piazzato, Riso lo scalcia per invitarlo ad evitare inutili perdite di tempo, e l’arbitro, incapace di gestire i momenti caldi della partita, decide di mandarlo anzitempo negli spogliatoi con un rosso diretto. Anche in inferiorità numerica c’è solo il Positano in campo. Al 70’ Gargiulo colpisce il palo con un bel diagonale, mentre sull’asse Scippa-Gargiulo-Porzio ne vien fuori una conclusione di quest’ultimo di poco fuori. All’85’ D’Alesio M. compie un miracolo che vale quanto un gol dei compagni. Campione serve sulla sinistra l’accorrente Pecora che avrebbe tutto il tempo per preparare una pericolosa conclusione verso la porta di Munao, ma il portentoso recupero del centrale giallorosso, evita il peggio. In pieno recupero giunge il 3-2, che evita i supplementari e regala 26° risultato utile e salto in Eccellenza. Punizione dalla destra del solito Porzio con Cifani da distanza ravvicinatissima che buca le mani del portiere del Calpazio.
Al triplice fischio finale è apoteosi. Che la festa abbia inizio…il Positano è di nuovo in Eccellenza!

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!